Fanwave.it
Fanwave.it
Pentedattilo leggenda pasqua cover

Pentedattilo: la mano del diavolo e i suoi fantasmi

I provvedimenti di chiusura e distanziamento sociale per rallentare la pandemia di coronavirus sembrano aver trasformato l’Italia, almeno per la Pasqua 2020, in una immensa “ghost town”.

Forse però non tutti sanno che di vere “ghost town” l’Italia è già piena.

Nella maggior parte dei casi si tratta di borghi abbandonati a causa di terremoti, dissesti o per la progressiva migrazione della popolazione verso città e aree con maggiori possibilità di sostentamento. Ogni regione italiana ne annovera più d’una, ma una più di ogni altra ha una storia particolarmente suggestiva: Pentedattilo.

Pentedattilo, la mano del diavolo ormai disabitata

Pentedattilo, noto anche come “la mano del diavolo”, in provincia di Reggio Calabria, è una rocca con castello le cui origini risalgono al 640 avanti Cristo. Importante centro economico per tutto il periodo greco e romano, fino al VII secolo dopo cristo servì come rocca d’avvistamento contro le incursioni dei mori.

Il borgo prende nome da cinque costoni rocciosi che spuntano dal monte Calvario (250 metri sul livello del mare) e si allungano verso l’abitato come cinque dita (dal greco "pente dachtyla"). Dopo vari terremoti tra il 1783 e il 1908, una lenta migrazione, terminata negli anni Sessanta del secolo scorso con la partenza dell’ultimo residente, ha svuotato il paese.

Pentedattilo castello rovine

La lotta per il dominio su Pentedattilo

Pentedattilo è anche considerato un borgo infestato dai fantasmi. Nel 1686 una sanguinosa faida tra le famiglie nobili degli Alberti, feudatari del borgo, e degli Abenavoli, a loro volta precedenti feudatari di Pentadattilo, sfociò nella cosiddetta “strage degli Alberti”.

Si pensò di mettere fine alla contesa tra le due famiglie con un matrimonio, quello del barone Bernardino Abenavoli con la figlia del marchese Domenico Alberti, Antonietta. Purtroppo Don Petrillo Cortez, figlio del viceré di Napoli, durante un breve soggiorno al castello di Pentedattilo si innamorò di Antonietta e non appena morì il padre Domenico la chiese in sposa al di lei fratello Alberto, che accettò.

Pentedattilo strage Alberti

16 aprile 1686: la strage degli Alberti

La notizia delle promesse di nozze mandò il barone Abenavoli su tutte le furie, tanto che decise di vendicarsi. La notte del 16 aprile del 1686 (domenica di Pasqua) l’Abenavoli si introdusse con alcuni uomini armati a Pentedattilo, uccise nel sonno Lorenzo Alberti per poi torturare e uccidere ogni altro presente nella rocca quella notte, compreso il fratello minore, di soli 9 anni, di Lorenzo.

Solo Antonietta e Don Petrillo Cortez (preso in ostaggio) furono risparmiati e condotti nel castello di Montebello, dove Bernardino obbligò Antonietta a sposarlo. Quando il vicerè di Napoli seppe della strage e del rapimento del figlio inviò un esercito, assaltò il castello degli Abenavoli e, liberato Don Petrillo, catturò e uccise sette esecutori di quella terribile notte decapitandoli ed appendendone le teste ai merli del castello di Pentedattilo.

Pentedattilo fantasmi 

Urla strazianti e fantasmi in fuga

Bernardino e Antonietta riuscirono però a fuggire: lei si rifugiò nel convento di clausura di Reggio Calabria vivendovi fino alla morte, piena di sensi di colpa per essere stata involontariamente causa della tragedia, lui raggiunse Malta, poi Vienna. Entrato nelle fila dell’esercito austriaco morì nell’estate del 1692, colpito da una palla di cannone.

Da allora a Pentedattilo, nelle notti di vento, in più di uno ha giurato di aver sentito le urla strazianti di Lorenzo Alberti mentre una leggenda vuole che ogni notte del 16 aprile di ogni anno strane ombre simili a figure di madri fuggano per le strade del borgo, tenendo per mano i propri figli, inseguite da figure armate di coltelli.

La rinascita di Pentedattilo (sarà più forte del coronavirus)

In questi ultimi anni Pentedattilo è stata riscoperta, parzialmente restaurata (anche se una delle cinque "dita" è crollata pochi anni fa per il maltempo) ed è sede in estate di un apprezzato festival di cortometraggi, il Pentedattilo Film Festival. Peccato solo che a causa dell'emergenza coronavirus quest'estate (e forse la prossima) sarà impossibile organizzarlo, quanto meno in loco.

Così la rocca e i suoi fantasmi dovrano rassegnarsi almeno per qualche tempo a tornare ad essere davvero un borgo fantasma. Ma conoscendo la tenacia della popolazione calabrese, c'è da stare certi che Pentedattilo sarà più forte del coronavirus.

Tags: Fantasmi, storia