Fanwave.it
Fanwave.it

Peso dell'anima: un secolo di ricerche e dubbi per la verità

Peso dell'anima

Si può provare fisicamente un elemento metafisico e più precisamente si può pesare o fotografare un'anima? Per la scienza la risposta è sempre stata negativa.

Eppure il sogno di ricongiungere metafisica e fisica continua ad avere seguaci, pronti a effettuare nuovi esperimenti per cercare di trovare una risposta, il più possibile concreta, a domande che affondano le loro radici nella nostra paura dell'ignoto e della morte.

Tanti esperimenti per trovare il peso dell'anima

Il primo a provarci, nel 1907, fu uno studioso americano, il dottor Duncan MacDougall di Haverhill, in Massachussets, che verificò il peso corporeo di sei persone prima e dopo il loro trapasso.

Secondo MacDougal, subito dopo la morte, un corpo umano perde "tre quarti di oncia" (un'oncia equivale a 28,3495231 grammi) cosa che, sempre per MacDougall, non avviene nel caso in cui si ripeta lo stesso esperimento con animali al posto degli uomini.

Insomma, il vostro gatto o cane non avrebbe anima, nonostante quanto sostengono alcune culture. Il problema è che MacDougall non ha mai rivelato in modo accurato il metodo utilizzato per rilevare una differenza comunque minima, pari o inferiore allo 0,025% del peso del soggetto.

Pertanto il rischio che i suoi esperimenti siano stati viziati da banali errori di misurazione rimane.

Iniezione letale

Test ripetuti su condannati a morte

La prova non venne in ogni caso più ripetuta fino, secondo alcune fonti, al 2007 quando un nuovo esperimento, stavolta utilizzando più sensibili bilance elettroniche, avrebbe riscontrato che la perdita di peso, costante, è leggermente inferiore ossia pari a 21,00019 grammi (i tre quarti di un'oncia equivarrebbero invece a 26,2142325 grammi).

L'esperimento sarebbe stato condotto col consenso di alcuni funzionari del governo Usa durante diverse esecuzioni capitali, ma senza il consenso preventivo dei familiari dei condannati. Proprio per evitare possibili problemi legali, probabilmente, questa ricerca non è mai stata divulgata ufficialmente.

Non sono nepure noti i nomi dei ricercatori che l'avrebbero realizzata, il che rende impossibile un riscontro. Il mistero è dunque destinato per ora a rimanere tale, anche se altri scienziati, in epoca molto più recente, hanno provato a dimostrare che esiste qualcosa di molto simile all'anima con un metodo del tutto diverso, quello della fotografia. Ma questa è un'altra storia.

Tags: Top secret, Religioni, Anima