Fanwave.it
Fanwave.it
Fengdu Ghost City Cover

Fengdu, una città fantasma vecchia di duemila anni

Si trova in Cina la città fantasma più antica al mondo, Fengdu.

Essa è tradizionalmente considerata la porta di accesso principale al Diyu, l’oltretomba della tradizione taoista.

Diyu, il purgatorio taoista

Il Diyu, o regno dei morti, si basa su una combinazione del concetto buddista di Naraka (simile a quello occidentale di inferno) e di credenze popolari cinesi sulla vita dopo la morte ed è tipicamente raffigurato come un labirinto sotterraneo.

Presenta vari livelli e corti (10 in tutto), a cui le anime vengono destinate dopo la morte per espiare i peccati commessi in vita. Ogni corte, governata da un proprio re degli inferi, si occupa di un aspetto diverso di espiazione con diverse punizioni che però non durano in eterno.

Per questo il concetto di Diyu è equiparabile a quello occidentale di purgatorio più che all’inferno (delle cui porte sulla terra Fanwave.it vi ha già parlato).

Fengdu Ghost City Gates of Deyu

Le origini di Fengdu

Fengdu, situata sul monte Ming, sulla riva settentrionale del fiume Yangtze nella contea di Zhong, a circa 160 km dalla città di Chongqing, venne fondata sotto la dinastia Han Occidentale (206 a.C. - 219 d.C.) all’interno di una zona di sepoltura contraddistinta da decine di templi e santuari.

Qui, secondo la leggenda, due funzionari imperiali, Yin Changsheng e Wang Fangping (la combinazione dei loro due nomi, Yinwang, è equivalente a Yen-lo-wang, ovvero il “re degli inferi”), giunsero sul monte Ming per praticare il taoismo e divennero così immortali.

Le prime citazioni di Fengdu (allora chiamata Luofeng) come luogo in cui comandano “temibili potenze”, ossia demoni, risale ad un poema del IV secolo dopo Cristo. Ma è sotto la dinastia Tang (618-907 d.C.) che iniziò a circolare la leggenda che il re degli inferi dimorasse lì.

La Diga delle 3 Gole e la ricostruzione di Fengdu

A causa della costruzione della Diga delle 3 Gole, la città fantasma, con la sua atmosfera inquietante dovuta a strade e palazzi deserti, finì sommersa, ma la collina e una dozzina dei suoi templi, costruiti sotto la dinastia Jin (265-420 d.C.), furono risparmiati.

Fengdu stessa (come già accaduto ai templi di Abu Simbel) è stata smontata e ricostruita e costituisce ora una della più famose attrazioni turistiche di tutta la Cina. Suddivisa in due aree, chiamate inferno e paradiso, è visitabile al prezzo di 100 yuan (circa 13,5 euro) a persona per ciascuna delle due aree.

Fengdu Ghost City Demons

Fengdu fu costruita per sogmigliare a Youndu

A Fengdu, realizzata a somiglianza di Youdu, capitale del Diyu descritta in antichi poemi come “luogo sotterraneo governato da Houtu” dove “regnano le tenebre”, con palazzi organizzati burocraticamente con tanto di tribunali e registri dove venivano annotati i nomi dei vivi e dei morti, gli spiriti secondo la credenza popolare dovevano superare tre prove per poter ascendere al Cielo.

Sapere come orientarsi per la città e superare le tre prove poteva dunque permettere ai vivi di affrontare con maggiore serenità l’evento nell’oltretomba.

Le tre prove degli regno dei morti

La prima consisteva nell’oltrepassare il “Ponte dell’impotenza“, costruito durante la dinastia Ming (1368-1644 d.C.) per collegare il mondo dei vivi agli inferi e dove demoni provvedevano a far passare gli spiriti virtuosi e buttare in acqua i malvagi.

La seconda prova consisteva nel recarsi al passo della “Tortura del fantasma” per presentarsi al giudizio di Yama, il “re degli inferi” (la versione induista di Yinwang).

La terza nel restare in bilico su un piede solo per tre minuti su di una pietra davanti all’ingresso del palazzo Tianzi, il più grande e antico della città (risale a tre secoli fa). Solo i fantasmi virtuosi potevano riuscirci, mentre i malvagi sarebbero stati spediti nel Diyu.

Fengdu Ghost City King Statue

Le tante attrazioni di Fengdu

Ricca di statue di demoni intenti a torturare gli spiriti malvagi e affreschi dai colori vivaci, Fengdu è “guardata a vista”, dalla collina, dalla più grande statua intagliata nella roccia al mondo, quella di Tianzi, il “re dei fantasmi”.

Un’ultima attrazione spettrale a Fengdu degna di nota è la Torre dell’ultimo sguardo a casa. La struttura fu realizzata nel 1985 e commemora il sito in cui gli spiriti condannati al Diyu potevano dare un’ultima occhiata alle loro case e alle loro famiglie.

Tags: Morte, Fantasmi, Cina

Commenti