Fanwave.it
Fanwave.it

I 12 triangoli della morte (Vortici Vili di Ivan Sanderson)

Secondo una teoria resa celebre negli anni settanta dal biologo scozzese Ivan Sanderson, ci sarebbero sulla terra 12 aree "maledette" in cui sarebbe meglio evitare di trovarsi.

Esistono alcune aree nel mondo che da anni suscitano l'attenzione di scienziati e semplici curiosi, perché il rischio di non poter fare ritorno per raccontarlo è elevato.

Sanderson, cercatore di Yeti e vortici maledetti

Il biologo scozzese Ivan Terence Sanderson, nato il 30 gennaio 1911, morto il 19 febbraio 1973, famoso anche per le sue ricerche sullo Yeti e sul Kongamato (di cui affermò di aver visto alcuni esemplari descrivendoli come gli antenati di tutti i pipistrelli), elaborò negli anni Settanta una teoria sui "triangoli maledetti".

Si tratterebbe in particolare di 12 aree terrestri dove, forse a causa di vortici causati da correnti aeree o marine o da sbalzi elettromagnetici, nel corso della storia si sarebbero verificate nel corso dei secoli centinaia di misteriose sparizioni.

I 12 triangoli della morte (Vortici Vili di Ivan Sanderson)

Vortici vili a distanze regolari

Questi dodici "vortici maledetti" (denominati anche vortici vili o triangoli della morte) sarebbero localizzati a distanza regolare tra loro. Cinque si troverebbero sul Tropico del Cancro: il Triangolo delle Bermuda, Mohenjo-Daro, Hamakulia, i megaliti dell'Algeria e il Mare del Diavolo in Giappone.

Altri cinque lungo il Tropico del Capricorno: l'Isola di Pasqua, i megaliti dello Zimbawe, l'Anomalia del Sud Atlantico, il bacino di Warthon e la Fossa delle Nuove Ebridi.

Gli ultimi due sarebbero al Polo Nord e al Polo Sud terrestre. Tutti sarebbero in qualche modo legati ad anomalie del campo magnetico terrestre.

12 triangoli maledetti per un icosaedro mondiale

Sulla mappa questi punti, che alcuni hanno soprannominato anche "porte dell'Inferno" o "tombe del Diavolo", disegnerebbero i vertici di un icosaedro (un poliedro a 20 facce) quasi perfetto.

I disastri attribuiti a qualche forma di energia distruttiva presente in queste zone sono innumerevoli, tra i più recenti portati come prova dai teorici dei "vortici maledetti" vi sarebbe la scomparsa del volo della Malaysia Airlines MH370.

L'aereo, in effetti, prima di svanire per sempre dai radar si trovava sopra uno dei 12 vortici situato nel Pacifico.

Malaysia Airlines MH370

Un nuovo triangolo delle Bermuda al largo del Vietnam?

Un altro aspetto discusso di questa vicenda riguarda un tweet inviato da un politico del governo Malesiano di nome Mohammad Nizar come risposta al presentatore televisivo Piers Morgan che chiedeva il suo parere sul disastro.

Nel tweet si legge: "Individuato nuovo triangolo delle Bermuda nelle acque del Vietnam, i dispositivi sofisticati di ricerca sono inutilizzabili!"

Tweet di Mohammad Nizar

Le uniche prove scientifiche che dimostrerebbero l'esistenza di queste anomalie terrestri sono alterazioni del campo magnetico all'interno dei triangoli. Un fenomeno insufficiente, secondo la scienza ufficiale, a giustificare delle sparizioni totali come quelle verificatesi.

Tags: Top secret, Cospirazioni, Alieni, Triangoli della morte

Commenti