Fanwave.it
Fanwave.it
Europa geyser

Europa, un mondo ricco di acqua ci attende

L’industria spaziale è solo ai suoi albori, ma tra qualche decennio potrebbe guardare con interesse allo sfruttamento di risorse presenti su asteroidi e satelliti dei principali pianeti del sistema solare.

Uno tra i corpi celesti più interessanti potrebbe essere Europa.

Sulla luna di Giove non si andrà per cercare oro o diamanti, ma acqua: secondo la Nasa, infatti, Europa potrebbe contenerne in quantità elevata. Analizzando dati dell’osservatorio delle Hawai, alcuni ricercatori hanno scoperto che da Europa si alzano improvvisi getti di vapore acqueo.

Nasa: su Europa acqua liquida

Queste fuoriuscite di vapore acqueo dalle profondità di Europa in superficie non sono costanti, ma sotto forma di brevi ma potenti emissioni. Si tratta di veri e propri geyser il cui volume sarebbe sufficiente ogni volta a riempire d’acqua una piscina olimpionica.

Europa acqua

Fino a tre volte l’acqua presente sulla Terra

Anche se finora non c’è alcuna certezza, gli astronomi della Nasa pensano che Europa potrebbe nascondere sotto la sua superficie ghiacciata una quantità di acqua pari anche a 2 o 3 volte quella presente sulla Terra.

Se ne dovrebbe sapere di più tra pochi anni, grazie alla missione Europa Clipper che porterà una sonda a esplorare attentamente il satellite di Giove.

Una sonda farà infatti 45 orbite attorno alla luna gioviana, utilizzando un intero arsenale di strumenti di ricerca tra cui spettrometri, telecamere con filtri e radar per scansionare lo spesso guscio ghiacciato di Europa.

Europa

Impianti di estrazione su Europa nel futuro?

Se come si pensa si scoprirà un così grande deposito di acqua, il satellite potrebbe diventare nei prossimi decenni o secoli una delle principali fonti di rifornimento di acqua per future colonie spaziali o per la stessa Terra.

Manca solo un Elon Musk che installi su Europa un primo impianto di estrazione ma vista la sempre crescente penuria di acqua sulla Terra sembra solo questione di tempo prima che qualcuno ci provi. Sempre che la fantascienza non abbia già previsto tutto.

Un curioso aneddoto fantascientifico

Nel romanzo di fantascienza di Arthur C. Clarke, "2010 Odissea due" (seguito di "2001 Odissea nello spazio", pubblicato nel 1968), edito nel 1982 tre anni dopo che le sonde Voyager 1 e Voyager 2 avevano inviato i primi dati di Giove e dei suoi satelliti, tra cui Europa, si immagina che nel finale della vicenda il computer Hal 9000 invii un ultimo messaggio alla Terra: "Tutti questi mondi sono vostri, eccetto Europa. Non tentate di atterrare lì. Usateli insieme. Usateli in pace." Che sia il caso di lasciare in pace la luna di Giove?

Tags: Scienze, spazio