Fanwave.it
Fanwave.it
Marte eruzione vulcano

Marte e l’eruzione del vulcano Arsia

Che Marte sia o sia stato uno tra i pianeti più simili alla Terra è noto, che abbia visto un’attività vulcanica imponente anche. Ma da qualche settimana alcune immagini ci hanno suggerito che potrebbe avere un’eruzione in corso.

Eruzioni e vita su Marte

Che un’eruzione vulcanica sia tuttora in corso su Marte sarebbe, se confermata, una notizia clamorosa che darebbe probabilmente una svolta alla ricerca della vita sul pianeta rosso. Finora infatti la Nasa ha trovato solo tracce di una possibile presenza di vita organica rinvenendo tracce di composti organici complessi e quantità di metano variabili in base alle stagioni.

Ma qualche settimana fa sopra il Monte Arsia, un gigantesco vulcano con una caldera larga 110 chilometri e un’altezza doppia rispetto a quella dell’Everest, è stata fotografata una strana formazione nuvolosa che assomiglia incredibilmente a quelle che i satelliti terrestri sono in grado di riprendere ogni volta vi sia una significativa eruzione vulcanica.

Marte eruzione vulcano

Le foto di Nasa ed Esa del Monte Arsia

La prima ad essere diffusa è stata una foto scattata dal Mars Odyssey, una sonda della Nasa in orbita attorno a Marte dall’ottobre 2001 (è la sonda operativa più anziana tra quelle impegnate nello studio di Marte), poi è stata la volta di Mars Express, la sonda dell’Esa di due anni più giovane di quella americana, che ha sorvolato il vulcano marziano osservando a sua volta la stessa formazione nuvolosa.

E’ dunque un’eruzione in corso, 10 milioni di anni dopo quella che sinora si riteneva poter essere stata la più recente? Sebbene per un vulcano terrestre l’ipotesi potrebbe essere teoricamente plausibile, per i vulcani marziani non lo è, almeno a sentire la Nasa e l’Esa.

Marte eruzione Arsia

Falso allarme: sono nuvole ricche di ghiaccio

La nuvola fotografata, infatti, conterrebbe una elevata quantità di ghiaccio e non polvere o altro materiale incandescente come sarebbe nel caso di una vera eruzione. In sostanza, l’altezza dei vulcani marziani e la rarefatta atmosfera marziana favorisce l’addensamento di formazioni di "aria" fredda (l'atmosfera su Marte è ricca di anidride carbonica, azoto, argono ma presenta anche ossigeno e vaporea acqueo) che danno origine a nuvole ricche di ghiaccio.

Era già accaduto nel 2015

Non è la prima volta che succede, tra l’altro, visto che era stata già fotografata (e studiata) una nuvola simile, sempre sopra il Monte Arsia, nel 2015 (è l'immagine in copertina di questo articolo, tra l'altro). La conferma di un’attività vulcanica e di vita su Marte, insomma, deve ancora arrivare e non sarà facile trovarla, se non altro almeno fino a quando non saremo in grado di mandare un equipaggio umano a vedere di persona.

Tags: Vulcani, Misteri risolti, spazio