Fanwave.it
Fanwave.it
Hubble e Chandra

Che cosa è successo ad Hubble e Chandra?

Che è successo ai “grandi osservatori” della Nasa in orbita attorno alla terra e in particolare ad Hubble e a Chandra?Entrambi i telescopi spaziali sono stati messi in “modalità sicura” nelle ultime settimane (dal 5 ottobre Hubble, dal 10 ottobre Chandra).

Dopo questo fatto, subito i seguaci della teoria del complotto hanno iniziato a far circolare la voce che possa esserci sotto qualcosa. Anche perché poche settimane fa, a metà settembre 2018, una serie di problemi aveva già colpito vari osservatori terrestri (precisamente il telescopio di rete AXIS 232D, l’osservatorio SOAR, il telescopio con telecamera webcam BRT Tenerife e le webcam dell’Osservatorio Mauna Kea, dell’osservatorio Canada-Francia-Hawaii (CFHT) e dell’osservatorio JAT a Fairless Hills).

Solo coincidenze o c’è sotto qualcosa?

Una coincidenza? No secondo i sostenitori della teoria del complotto, secondo cui potrebbe essersi trattato di un attacco informatico, o di una sorta di prova generale per una grande tempesta elettromagnetica come l’evento di Carrington del 1859, o ancora del tentativo di tenere nascoste persino agli scienziati della Nasa l’osservazione di qualcosa che non si deve in ogni caso far vedere.

Da parte su la Nasa non ha cercato in alcun modo di nascondere la notizia, anzi ha spiegato che al momento vi sono due gruppi di ingegneri al lavoro, uno per diagnosticare un problema ai giroscopi di Hubble che ha impedito di proseguire con le osservazioni, l’altro con un problema non meglio precisato a Chandra che potrebbe ugualmente riguardare i giroscopi.

Hubble Nasa courtesy

Due veterani dello spazio

C’è da dire che né Hubble né Chandra sono esattamente due “novellini”: Hubble è stato portato in orbita dallo Space Shuttle nell’aprile 1990 ed ha ricevuto poi cinque missioni di servizio (l’ultima nel 2009) che ne hanno esteso la vita operativa fino al 2030-2040, quando il suo sostituto, il James Webb Space Telescope, dovrebbe essere già in funzione da molti anni (il lancio è previsto per il 2020).

Chandra, un telescopio spaziale a raggi x, è stato ugualmente portato in orbita dallo Shuttle nel luglio 1999 e avrebbe dovuto operare per 5 anni, una durata poi estesa a 10 anni ma ormai prossima ai 20 anni. A differenza di Hubble, Chandra non è ancora certo abbia un erede: quello proposto (Athena) non dovrebbe comunque essere lanciato prima del 2028.

Chandra

Si studia rimedio per Hubble, Chandra pronto a ripartire

Ma cosa starebbe esattamente accadendo ai due telescopi spaziali? Nel caso di Hubble la Nasa parla di un guasto a uno dei giroscopi e di un non perfetto funzionamento di un altro (sono tre i giroscopi a bordo), guasto che impedisce ad Hubble di proseguire con l’osservazione di movimenti estremamente ridotti. Gli ingegneri della Nasa oltre a capire cosa abbia causato i guasti dovranno valutare la possibilità di rimediare con comandi da terra (Hubble può ad esempio operare anche con solo un giroscopio), non potendosi effettuare una sesta missione di servizio nello spazio.

Per Chandra, che stando alle ultime comunicazioni della Nasa dovrebbe tornare a operare correttamente entro la prossima settimana, si sarebbe trattato di un problema tecnico della durata di 3 secondi a un giroscopio. Gli ingegneri della Nasa hanno deciso di utilizzare un altro giroscopio al posto di quello che ha causato il difetto, messo “in riserva”, in attesa di riconfigurare correttamente quest’ultimo per tornare entro i prossimi giorni a una situazione di piena operatività. Tutto bene quel che finisce bene o si è trattato di una procedura per mascherare qualcosa che non doveva essere visto? A voi il giudizio sulla vicenda.

Tags: Telescopi spaziali, spazio