Fanwave.it
Fanwave.it
vita extraterrestre forme

Forme di vita aliena: ci assomiglieranno?

Le persone amano fantasticare pensando a futuri incontri alieni, come sa bene Hollywood che ha sfruttato il tema in mille modi, da ET ad Alien. Ma che forma potrebbe assumere la vita aliena?

In effetti la vita aliena potrebbe assumere molte forme, da quella di amebe a quella di umanoidi, ma quale sarà la più probabile? Gli scienziati da tempo si interrogano sul problema e sono arrivati alla conclusione che alcune forme sono più probabili di altre.

Meduse

vita extraterrestre meduse

Secondo la dottoressa Margaret Aderin-Pocock molto probabilmente, potremo trovare forme di vita aliena strutturalmente simili a organismi marini, in particolare a meduse, che per comunicare useranno impulsi di luce e che saranno in grado di assorbire sostenze nutrienti essenziali per la crescita e la riproduzione dall’aria, attraverso una sorta di “cavità orale”.

La teoria della dottoressa Aderin-Pocock si basa sul fatto che la vita terrestre nacque originariamente nell’oceano e l’evoluzione della vita extraterrestre potrebbe seguire un percorso simile, ma invece dell’acqua in un altro pianeta l’habitat potrebbe essere l’atmosfera stessa.

Scarafaggi

 vita extraterrestre scarafaggi

Una delle forme di vita più comuni su altri pianeti potrebbero essere gli scarafaggi: la struttura del loro corpo consente di adattarsi a varie condizioni, resistendo persino alle conseguenze di un’esplosione nucleare. Milioni di anni di sviluppo di questi insetti dimostrano che gli scarafaggi potrebbero esistere anche molto lontani dalla Terra.

Non siate così sorpresi, Hollywood ha già preso al balzo questa idea in uno dei suoi campioni d’incasso di tutti i tempi, Men in Black, e non sarebbe la prima volta che il cinema anticipa la realtà (vedi il motore a impulsi di cui abbiamo già parlato).

Primati

vita extraterrestre primati

Secondo Simon Conway Morris, professore all’Università di Cambridge che si occupa di paleobiologia evoluzionistica, gli alieni potrebbero essere simili a noi non solo nella struttura fisica, ma anche nelle qualità morali.

In un suo articolo intitolato “Alieni come noi?” (lo trovate qui) ha affermato: “le prove che possiamo ricavare dall’evoluzione della vita sulla Terra sostengano in modo convincente la tesi che un’intelligenza umana come risultato dell’evoluzione sia inevitabilmente inevitabile”.

Gli alieni avranno quindi come noi una propensione alla violenza, conosceranno l’avidità come pure la non-compulsione: “la teoria dellìevoluzione di Darwin è universale, il che ci aiuterà, in alcuni casi, a stabilire un contatto con altre civiltà” perché avere gli stessi caratteri e le stesse debolezze promuoverà una comprensione reciproca. Se sarà un bene o meno non è ancora dato saperlo.

Forme di vita inorganiche

vita extraterrestre non organica

Molti ricercatori come Conway Morris credono che le forme di vita extraterrestri siano simili a quelle terrestri, ma già ora sono stati scoperti organismi multicellulari che non hanno bisogno di ossigeno.

Questa informazione può trasformare la nostra visione della vita organica: sempre più biologi sostengono la possibilità di vita inorganica, perché in natura ci sono molti altri “materiali da costruzione” come fosforo, zolfo o altri composti chimici che in condizioni diverse da quella terrestre, potrebbero essere sfruttati da organismi alieni per il proprio processo di attività vitale.

Abitanti delle acque profonde o dell’aria

vita extraterrestre acque profonde

L’astrobiologo inglese Lewis Dartel ritiene che l’evoluzione della vita su altri pianeti possa essere influenzata da fattori simili a quelli terrestri. Ad esempio, nei mondi “acquosi” gli abitanti potrebbero somigliare ad animali che vivono nelle profondità dei nostri oceani, mentre su pianeti con un’atmosfera più densa di quella terrestre ci sono maggiori possibilità di scoprire creature che si muovono nell’aria.

Tags: Vita extraterrestre, Alieni, spazio