Fanwave.it
Fanwave.it
Edgar Allan Poe raven cover

Edgar Allan Poe, il mistero della morte è ancora insoluto

Edgar Allan Poe è considerato il più grande scrittore americano, padre del romanzo poliziesco e autore di storie del terrore come Il Pozzo e il Pendolo o poesie come Il Corvo.

Eppure il mistero più grande legato ad Edgar Allan Poe non è nella trama di un suo romanzo, ma nelle circostanze della sua prematura morte.

Poe aveva 40 anni quando morì, il 7 ottobre 1849. Il 27 settembre di quello stesso anno era partito da Richmond, dove abitava, alla volta di Filadelfia dove contava di sbrigare alcuni affari, ma non arrivò mai a destinazione.

coniugi Poe

L'ultimo viaggio di Edgar Allan Poe

Prima della sua partenza Poe, rimasto vedovo due anni prima di sua cugina Virginia Clemm (sposata nel 1835 quando lo scrittore aveva 26 anni e Virginia 13, anche se nel certificato di matrimonio fu riportato che Virginia aveva 21 anni), aveva ripreso a corteggiare un amore di gioventù, Sarah Elmira Royster.

Nulla lasciava presagire che quello sarebbe stato il suo ultimo viaggio. Era il 3 ottobre 1849 quando un uomo fu trovato sdraiato su un marciapiede di Baltimora nei pressi di una sede del partito Whig (antenato del partito Repubblicano attuale) delirante, in abiti laceri che non erano i suoi, incapace di dire come si trovasse lì ed in quello stato.

Morte improvvisa dopo 4 giorni di ricovero

Quell’uomo era proprio il celebre scrittore, che ricoverato all’ospedale di Washington College vi morì quattro giorni dopo. Poe non tornò mai abbastanza lucido da spiegare cosa gli fosse successo, riuscendo solo a farfugliare un nome, “Reynolds”. Chi era costui?

Secondo le teorie più accreditate, poteva trattarsi di Jeremiah N. Reynolds, editore, docente, esploratore e giornalista americano autore di una proposta per l’esplorazione del Pacifico e dei mari del Sud a beneficio della pesca di balene che aveva ispirato Poe il romanzo The Narrative of Arthur Gordon Pym of Nantucket (Storia di Arthur Gordon Pym). L'isola di Nantucket è stata il punto di partenza non solo per il romanzo di Poe ma anche per Moby Dick, di Herman Melville.

edgar allan poe obituary and portrait

Reynolds ha avuto un ruolo nella morte di Poe?

Anche se è plausibile che Edgar Allan Poe conoscesse Jeremiah N. Reynolds, non è mai stato chiarito perché abbia dovuto invocare il suo nome nel delirio, nè se Reynolds fosse in qualche modo colleabile allo stato in cui fu trovato Poe. I resoconti storici del ricovero indicano che lo scrittore giunse in ospedale delirante con brividi e allucinazioni.

Lo scrittore cadde poi in un coma dal quale inizialmente si svegliò, calmo e lucido, rifiutando l’alcol che gli venne offerto (per curare l’astinenza, avendo Poe evitato di bere da almeno sei mesi) e bevendo solo, con difficoltà, acqua. In seguito ricadde in uno stato di delirio, diventando combattivo al punto da dover essere immobilizzato.

La versione ufficiale è morte per alcolismo

La documentazione ufficiale, compreso il certificato di morte, stilato dal dottor J.F.C. Handel, è andata persa ma i giornali dell’epoca parlarono di “congestione del cervello” o “infiammazione cerebrale”, termini utilizzati come eufemismi nei casi di morte per alcolismo.

Tuttavia in anni recenti si è rianalizzato il caso arrivando a ipotizzare che si sia invece trattato di un caso di rabbia, cosa che spiegherebbe la sua idrofobia. Poe, amante dei gatti e di altri animali da compagnia, potrebbe aver contratto la malattia inconsapevolmente fino a un anno prima della sua dipartita.

Nonostante tutto, restano molti misteri legati alle circostanze del ritrovamento di Poe a Baltimora e della sua improvvisa morte e col passare dei decenni appare sempre più improbabile che il mistero della morte di Edgar Allan Poe potrà mai dirsi veramente svelato.

Edgar Allan Poe Grave

Tags: Misteri irrisolti, storia