Fanwave.it
Fanwave.it
Princess Tisulsky (picture from Snow White movie)

Storia segreta: il mistero della principessa Tisulsky

E’ possibile che la specie umana abbia origini molto più antiche e misteriose di quelle che la scienza ritiene attualmente?

Possibile che i primi uomini non si siano evoluti parallelamente alle grandi scimmie, come già scriveva Charles Darwin, entrambi derivanti da un antenato comune, il Pierolapithecus, vissuto circa 13 milioni di anni fa durante il Miocene, ma abbiano avuto un'origine molto più antica?

La misteriosa principessa Tisulsky

Finora non si sa di alcun fossile o ritrovamento archeologico che possa autorizzare tale supposizione, se si eccettua per una storia che talvolta riaffiora in rete, soprattutto su siti russi, relativa alla cosiddetta principessa Tisulsky.

Secondo questa storia il 5 settembre 1969, presso il villaggio di Rzhavchik nella regione di Kemerovo, venne ritrovato un sarcofago di marmo emerso sorprendentemente da un filone carbonifero di una miniera di carbone.

Il sarcofago misurava 250x80x90 cm ed era spesso 15 cm, al suo interno, immerso in un liquido rosa-blu, simile a una debole soluzione di permanganato di potassio si sarebbe trovato il corpo perfettamente conservato di una giovane donna di aspetto europeo, di età apparente di 25-30 anni, alta 170-180 cm.

Princess Tisulksy sarcophagi

Come una principessa addormentata

La "principessa" era ricoperta di un abito di pizzo bianco che arrivava appena sotto le ginocchia, con maniche corte ricamate con fiori colorati, senza altra biancheria.

Il volto della ragazza mostrava grandi occhi azzurri spalancati che parevano fissare il cielo, capelli folti, color marrone scuro con sfumature rossastre, leggermente arricciati e cadenti sul petto, le morbide mani bianche avevano unghie corte e ben tagliate.

A detta di alcuni testimoni la principessa Tisulsky sembrava dormire o essere in animazione sospesa più che essere morta e avrebbe avuto un piccolo oggetto scuro sulla fronte delle dimensioni di 25x10 cm, simile a un cellulare moderno.

Uomini in grigio e misteriosi scienziati

Poche ore dopo che il sarcofago era stato aperto e che i reperti erano stati portati al locale centro della regione, sarebbe arrivato sul posto un elicottero i cui occupanti, descritti come giovani dall’aspetto robusto, vestiti di grigio, avrebbero allontanato tutti dal sarcofago dicendo che era "contagioso".

Dopo aver preso i nomi di coloro che erano entrati in contatto col sarcofago, gli “uomini in grigio” (il cui modo di agire ricorda quello degli uomini in nero) sarebbero ripartiti trasportando il sarcofago in elicottero.

Secondo alcune versioni della storia per alleggerirne il peso avrebbero prima svuotato il sarcofago del liquido, causando così il rapido deterioramento e annerimento del corpo della principessa esposto all’aria.

La datazione di 800 milioni di anni

Circa una settimana dopo un anziano scienziato di Novosibirsk sarebbe tornato a Rzhavchik per rendere noti i risultati preliminari di laboratorio e qui sarebbe emersa la vera sorpresa.

Secondo lo scienziato, di cui in internet non si trova peraltro il nome, l’esame del corpo avrebbe rivelato che risaliva niente meno che a 800 milioni di anni fa, nel periodo Carbonifero dell’era Paleozoica quando si ritiene sulla terra esistessero solo i dinosauri.

Gli scienziati non sarebbero invece riusciti a determinare la composizione chimica del liquido e la stoffa dei vestiti della ragazza né la funzione del piccolo oggetto misterioso che portava sulla fronte. Nelle settimane successive gli “uomini in grigio” sarebbero tornati solo per dichiarare che lo scienziato era un pazzo visionario e smentire il resoconto dei fatti pubblicato da un giornale locale.

Ammesso che la storia, di cui non si trovano conferme fotografiche (essendo tutte le foto circolate, comprese quelle di questo articolo, riferite a sarcofagi e mummie egizie o a film come Biancaneve), sia vera la misteriosa principessa Tisulsky non poteva essere aliena datoche i test genetici di cui parlò lo scienziato avrebbero confermato che il suo Dna era al 100% umano.

Antica civiltà scomparsa o semplice bufala?

Se la storia fosse vera l’unica spiegazione possibile, per quanto improbabile, sarebbe che è esistita già 800 milioni di anni fa una società umana molto evoluta le cui tracce sono state completamente spazzate fino al ritrovamento di questo sarcofago. Difficile tuttavia trovare qualche prova, tanto più che tutti coloro che entrarono in contatto col sarcofago della principessa sarebbero morti in incidenti nel corso di appena un anno dopo la scoperta.

Tuttavia nel 1973 le autorità sovietiche avrebbero effettuato in gran segreto degli scavi ad appena 6 km dal luogo di ritrovamento del sarcofago. Anni dopo un operaio che affermò di aver preso parte a questi secondi scavi dichiarò che era stato scoperto un antico cimitero dell’età della pietra.

Anche in questo caso, però, non sono mai state fornite notizie ufficiali, né sono mai circolate in rete fotografie degli scavi e degli eventuali reperti. Così il dubbio rimane: la sparizione della principessa Tisulsky fu il frutto di un’operazione di copertura in piena “guerra fredda” o si tratta solo di una bufala che continua a circolare sul web in attesa di essere definitivamente smentita?

Tags: Misteri irrisolti, Archeologia, storia