Fanwave.it
Fanwave.it
contatti alieni visita o invasione

Contatti alieni: sarà invasione o visita di cortesia?

La scienza finora ha snobbato ogni ipotesi di contatto con civiltà aliene, ma il numero di chi sostiene di avere osservato un Ufo o di essere entrato in contatto diretto con extraterrestri non accenna a calare.

Questo nonostante siano lontani i clamori degli anni novanta quando il mondo fu in preda ad una “x-file mania” che può avere indotto fenomeni di suggestione in grado di falsare le statistiche.

Contatti alieni, due ipotesi opposte

Ciò detto, un eventuale contatto su larga scala con esseri alieni continua a essere immaginato come due situazioni diametralmente opposte: una visita di cortesia o una vera e propria invasione.

Da una parte è stato più volte notato che gli Ufo appaiono più spesso in alcuni momenti critici o disastri naturali, come eruzioni vulcaniche o terremoti. Così alcuni ricercatori credono che gli alieni ci abbiano aiutato a combattere i capricci della natura e a superare i momenti più difficili lungo tutta la nostra storia.

contatti alieni bambini

Alieni cercherebbero di migliorare l’umanità

Alcuni storici, affascinati dal tema degli Ufo, hanno suggerito che lo scopo ultimo degli alieni sia di portare bontà, armonia e pace sul pianeta Terra dato che la natura umana è imperfetta. Ci mentiamo l’un l’altro, uccidiamo, inquiniamo l’ambiente, abbattiamo le foreste, esauriamo le risorse naturali, mentre gli alieni, in quanto rappresentanti di una razza molto più sviluppata, vorrebbero aiutarci, come fossimo loro fratelli minori. Ci indurrebbero, gentilmente, a migliorare, ad amarci di più.

Un contatto alieno su larga scala in uno scenario del genere non sarebbe un’invasione, ma semplicemente una visita da parte amici che non conosciamo, ma che ci conoscono molto bene. L’opinione è condivisa da quegli ufologi che ritengono che gli alieni, nordici, grigi o rettiliani che siano, visitino da tempo il pianeta Terra essendo stati osservati dagli antichi Maya come dagli antichi Egizi.

Non tutti sono d’accordo con ipotesi rosea

Se avessero voluto, è la deduzione logica, gli alieni avrebbero potuto conquistare la Terra molto tempo fa. Tuttavia, non tutti gli scienziati condividono questo roseo punto di vista ed alcuni come Stephen Hawking hanno suggerito di essere cauti.

Del resto ogni anno, migliaia di persone sembrano scomparire senza lasciare traccia in tutto il mondo e i pochi che ritornano parlano di barbari esperimenti a cui sarebbero state sottoposte le vittime dei rapimenti alieni. Rapimenti il cui numero starebbe crescendo, superando quelli che si sono verificati negli ultimi 20 anni precedenti o prima ancora.

contatti alieni rapimenti

Il numero di rapimenti alieni cresce

Tutto ciò avverrebbe di nascosto, per cui la maggior parte dell’umanità non sa nulla di tali rapimenti o non crede che siano realmente accaduti. Nel frattempo, gli alieni, visto il loro livello di tecnologia e l’apparente capacità di esercitare un controllo mentale sulle persone, potrebbero facilmente gestire il tutto apertamente, senza prestare attenzione la nostra attenzione riguardo ciò che sta accadendo.

Il diffondersi del panico tra i terrestri dipenderebbe solo da loro, ma alla fine gli alieni preferirebbero agire in segreto, nascondendosi tra noi. Perché? Forse perché nell’universo vi sono forze, civiltà extraterrestri, che si oppongono a questo modo di procedere e non hanno ancora perso la speranza di mettere i terrestri sulla retta via.

Tuttavia, se è vero che il numero di rapimenti sta crescendo sempre di più, i nostri “sostenitori” si starebbero stancando, o forse starebbero perdendo la loro fiducia nel nostro desiderio di migliorare. Anche per questo gli ultimi contatti alieni avrebbero avuto come scopo esperimenti sempre più spregiudicati, forse anche genetici.

Le rivelazioni di Robert Dean

Le donne umane, secondo alcuni racconti di questi anni, verrebbero fecondate a bordo di Ufo per poi dare alla luce bambini che verrebbero subito dopo rapiti dagli alieni nordici, grigi o rettiliani che siano. Questi bambini potrebbero avere un ruolo speciale durante un’eventuale futura invasione aliena.

Sembrano solo speculazioni, eppure secondo l’ex ufficiale dell'esercito americano Robert Orel Dean (morto l’11 ottobre 2018), esisterebbe un documento top secret a cui Dean ebbe accesso e con cui quasi tutti i capi delle potenze mondiali hanno familiarità che dimostrerebbe la veridicità di queste “ipotesi”.

I leader terrestri sanno la verità dagli anni Sessanta

Secondo tale documento il pianeta Terra è da tempo oggetto di osservazione intensa e massiccia da parte di diverse civiltà aliene, dotate di tecnologie più avanzata della nostra di migliaia di anni. La sequenza di osservazioni e il fatto che siano condotte per molti secoli dimostrerebbero l’esistenza di un piano o di un programma specifico.

I servizi segreti militari avrebbero segnalato l’assenza di una minaccia immediata da parte di civiltà aliene. Tuttavia, alcuni fatti indicherebbero un potenziale di intervento negli affari dei principali governi mondiali.

Copie del documento, affermò Dean, vennero inviate a metà degli anni Sessanta a tutti i capi degli stati membri della Nato e da allora il segreto sarebbe stato mantenuto in attesa di vedere se un giorno gli alieni dovessero farci visita in massa, amichevolmente o meno.

Tags: Ufo, Alieni, Rapimenti alieni, segreti