Fanwave.it
Fanwave.it
Poveglia l'isola più infestata d'Italia

Poveglia l’isola più infestata d’Italia

L’Italia è conosciuta in tutto il mondo per le sue bellezze artistiche, storiche e paesaggistiche; Venezia, poi, è considerata una delle città più romantiche del mondo.

Eppure non mancano tra le sue calle e palazzi misteri e segreti da far rabbrividire: uno dei posti più spaventosi e, si dice, infestati di fantasmi si trova a pochi chilometri da Piazza San Marco. Si tratta dell’isola di Poveglia, situata a sud, di fronte a Malamocco lungo il Canal Orfano.

 poveglia psychiatry

Dopo l’invasione longobarda del VI secolo d.C. e la distruzione di città come Padova ed Este, l’isola divenne divenne uno dei centri di reinsediamento delle popolazioni in fuga, vide l’edificazione di un castello e contribuì (809-810 d.C.) alla resistenza di Metamauco, antica capitale del ducato di Venezia assediata dai Franchi. Secoli dopo, l’isola si dice sia stata l’ultima dimora delle spoglie del celebre pittore Giorgione, morto nel 1510.

Nel Settecento Poveglia divenne un lazzaretto

Devastata nel corso della guerra tra Venezia e Chioggia (1378-1381), vide la sua popolazione ridursi, tra morti e trasferiti a Venezia, da qualche migliaia a poche decine di persone. Verso la fine del 1700 Poveglia iniziò a fungere anche da lazzaretto (battezzato “nuovissimo”, per distinguerlo dai precedenti Lazzaretto Vecchio e Lazzaretto Nuovo), ospitando contagiati che una volta morti venivano bruciati e seppelliti, a centinaia, sull’isola stessa.

poveglia inner room

Quando una nave aveva a bordo malati di peste, Poveglia era la sua ultima tappa: tra il 1793 e il 1799 sono state documentate 20 decessi per il morbo con altrettante sepolture sull’isola. Una targa ricorda ancora quegli episodi, ammonendo: “Ne fodias vita functi contagio requescunt MDCCXCIII” (“Non scavate i morti per contagio in vita (che qui) riposano, 1793”).

Storie inquietanti sul manicomio di Poveglia

Divenuta stazione di quarantena marittima dal 1814, fu infine sede di un ospedale psichiatrico, tra il 1922 e il 1946, e di uno geriatrico tra il 1947 e il 1968, prima di essere ceduta al demanio nel 1968 quando quest’ultima struttura chiuse i battenti per sempre.

poveglia hospital inside

Proprio sull’operato di tali ospedali si narrano da tempo storie inquietanti, come quella di un responsabile del reparto di psichiatria che avrebbe torturato e condotto brutali esperimenti sui pazienti, per poi impazzire per il senso di colpa e gettarsi dal campanile dell’antica pieve di San Vitale (risparmiato dalla distruzione in epoca napoleonica perché adibito a faro), ma sopravvissuto alla caduta solo per essere strangolato da una “nebbia spettrale” che sarebbe emersa dal terreno.

Poveglia wall

Il suo fantasma sarebbe stato visto aggirarsi tra i corridoi ormai deserti del manicomio da alcuni curiosi che hanno esplorato l’isola negli ultimi decenni. Inutile cercare di trovare testimonianze documentali di queste storie, di certo molti pescatori veneziani evitano di passare nei suoi pressi per paura che le reti possano rimanere impigliate nelle ossa di qualche morto.

Turisti americani ritrovati in stato di shock

Se pensate che Poveglia sia solo un’isola deserta dall’aspetto decadente ma non così spaventoso, sappiate che nel luglio 2016 i giornali riportarono un episodio a dir poco oscuro: cinque giovani turisti americani del Colorado, condotti sull’isola da un taxi acqueo (la corsa, da Venezia, costa circa 200 euro), vi restarono con l’idea di condurre un’esplorazione notturna.

Poveglia Hospital

Non è chiaro cosa abbiano visto o creduto di vedere o sentire, ma durante la notte iniziarono ad urlare per attirare l’attenzione di una barca che stava passando nei pressi. Alla fine dovettero intervenire i Vigili del Fuoco che riportarono a terra i malcapitati, in evidente stato di shock.

Tags: Misteri irrisolti, Fantasmi, Paranormale