Fanwave.it
Fanwave.it
Paititi la città d'oro degli Inca

Paititi, la città d’oro Inca aspetta di essere ritrovata

Un’antica città piena di tesori potrebbe essere sepolta dalla giungla in un’area inesplorata del Sud America, tra Perù, Bolivia e Brasile.

Non è la trama dell’ultimo film di Indiana Jones, ma la storia della città di Paititi, la città d’oro che una leggenda Inca, divulgata dall’archeologo Oscar Nunez del Prado nel 1955, vuole sia stata fondata dall’eroe Inkari, emerso dalle acque del lato Titicaca e fondatore anche di Q’ero e Cuzco.

Paititi, la leggendaria città d’oro Inca

La leggenda di Paititi è parallela a quella di Eldorado e se ne trovano riferimenti in alcuni scritti spagnoli del sedicesimo secolo, ma ha avuto nuovo impulso nel 2001 quando l’archeologo italiano Mario Polia scoprì negli archivi dei Gesuiti a Roma un resoconto del missionario spagnolo Andres Lopez del diciassettesimo secolo in cui viene descritta una grande città ricca di oro, argento e gioielli, situata in mezzo alla giungla tropicale nei pressi di una cascata, chiamata Paititi dai nativi.

paititi disegni

Un’altra archeologa italiana, Laura Laurencich Minelli (morta l’8 aprile 2018), professoressa di Discipline Demoetnoantropologiche all’Università di Bologna dal 1973 al 2005, ha poi lavorato sui codici ereditati dalla nobildonna napoletana Clara Miccichelli ed in particolare sul Exul Immeritus Blas Valera Populo Suo del gesuita Blas Valera, all’interno del quale sono presenti due significativi disegni risalenti al 1618 che rappresentano la cordigliera dove, secondo Valera, si sarebbe trovata Paititi.

L'avamposto di Paititi deve ancora essere studiato

Nonostante una trentina di esplorazioni partite alla ricerca della favolosa città sin dal 1925, Paititi non è ancora stata scoperta, anche se nel 2017 quattro guide locali, Javier Pazo, Benancio Encalada, Belisario Alvarez e Justo Puma, hanno rinvenuto costruzioni simili a quelle della civiltà Inca che hanno battezzato “l’avamposto di Paititi” nella giungla a nord di Cuzco, nei pressi dell’altipiano detto “mesopotanico” di cui molte foto satellitari circolano anche su internet da anni.

Paititi avamposto spedizione 2017

Nessun archeologo professionista ha tuttavia ancora analizzato l’area, così come resta da raggiungere ed esplorare la “montagna quadrata” che si erge sulla sommità dell’altopiano dove molti ipotizzano possa trovarsi la stessa Paititi. Dovrebbe provare a raggiungerla nel 2019, utilizzando un elicottero o una barca, uno studioso italiano, Marco Zagni.

Il 2019 sarà l'anno del ritrovamento della città d'oro Inca e dei suoi tesori?

Zagni, noto per aver ritrovato nel 2011 la città perduta di Marcahuasi in una missione per conto della trasmissione Voyager di Roberto Giacobbo, già nel 2016 aveva esplorato una zona vicina, la Valle di Lacco, ricca di petroglifi e simboli amazzonici di carattere astronomico e simbolico.

Paititi montagna quadrata

A quel punto forse sapremo se Paititi e i suoi tesori esistono davvero o se la leggendaria città perduta della civiltà Inca continuerà a celarsi sotto la superficie della giugla amazzonica, incurante dei progressi della tecnologia, che grazie all’utilizzo della luce laser nella termografia aerea ha già consentito di riscoprire dozzine di resti Maya in Guatemala.

Tags: Misteri irrisolti, Archeologia