Fanwave.it
Fanwave.it
Mahabalipuram sette pagode

Le sette pagode di Mahabalipuram

Per secoli si è pensato che le sette pagode di Mahabalipuram (o Mamallapuram) fossero solo leggende, ma una serie di eventi in questi ultimi anni ha provato la verità.

A Mahabalipuram (anche nota come Mamallapuram), cittadina indiana già segnalata sulla mappa catalana di Marco Polo del 1275, secondo antiche leggende un tempo sorgevano sette templi che il dio Indra, geloso della bellezza della città, divenuta un porto fiorente sotto la dinastia Pallava tra il 600 e il 700 dopo Cristo, fece sprofondare con una tempesta, salvando solo un tempio, l’attuale “tempio della spiaggia”.

Mahabalipuram sette pagode

Il tempio della spiaggia di Mahabalipuram

Tale tempio secondo studi archeologici venne effettivamente eretto a partire dall’ottavo secolo dopo Cristo utilizzando blocchi di granito locale, tagliati e disposti su cinque piani di altezza. Il tempio ha una struttura piramidale e si sviluppa per circa 20 metri d’altezza con una base quadrata di circa 17 metri per lato. All’interno del tempio si trova una statua dedicata a Lingam, una delle forme di Shiva, dio che sempre secondo le leggende sarebbe stato all’origine della fondazione della città.

Gli abitanti locali hanno sostenuto per secoli di riuscire a scorgere le rovine degli altri templi quando si portaano al largo della costa, a bordo delle loro barche da pesca, ma fino al 2002 nessuno aveva mai trovato prove concrete della loro esistenza. Quell’anno un gruppo di archeologi indiani e britannici esplorando l’area e ad una distanza dalla costa fra i 500 e i 700 metri trovò finalmente i resti di mura, sepolte sotto la sabbia ad una profondità fra i 5 e gli 8 metri.

Mahabalipuram statua leone

Prime scoperte al largo di Mahabalipuram

L’aspetto dei resti suggeriva che potessero appartenere non ad un singolo edificio ma a più costruzioni, risalenti alla dinastia Pallava. Fu però solo nel dicembre 2004, quando uno tsunami di spaventosa potenza si abbattè anche su Mahabalipuram, che il mito trovò definitiva conferma. Poco prima dell’arrivo dell’onda, l’acqua si ritirò e chi era in prossimità della costa affermò di aver visto emergere dall'acqua una lunga e dritta fila di grandi rocce.

Lo tsunami ricoprì nuovamente tutto subito dopo, ma i sedimenti che per secoli avevano ricoperto le strutture vennero spazzati via, consentendo agli archeologi di ritrovare ulteriori testimonianze tra cui una grande statua di un leone in posizione seduta riemersa proprio sulla spiaggia di Mahabalipuram. Nei mesi successivi si scoprì che le grandi rocce viste prima dello tsunami erano i resti di un muro alto circa 2 metri e lungo circa 70 metri.

Mahabalipuram sette pagode bis

Lo tsunami del 2004 rivelò la verità

Vennero inoltre ritrovati due templi sommersi ed un tempio scavato nella roccia, tutti entro 500 metri di distanza dalla costa che se messi in relazione al tempio della spiaggia e alle altre strutture minori ritrovate fornivano un quadro molto simile all’unico dipinto di epoca Pallava che riporta l’antica disposizione del complesso delle sette pagode.

La scoperta di lastre con incise iscrizioni, un ulteriore tempio scavato e i resti di un precedente tempio Tamil risalente a circa 2 mila anni fa ha infine fornito un quadro più chiaro di cosa era accaduto nei secoli: un primo tsunami doveva aver distrutto il tempio Tamil, un secondo ha probabilmente distrutto i templi di epoca Pallavi. Il terzo tsunami, dei nostri giorni, ha consentito di trovare i resti dell’uno e degli altri, facendo emergere dalla leggenda e riportando nella storia le sette pagode di Mahabalipuram.

Tags: Misteri risolti, Archeologia, storia