Fanwave.it
Fanwave.it
triangolo bermuda mistero

Triangolo delle Bermuda, altro che mistero svelato

Il mistero del triangolo delle Bermuda ci affascina da decenni e non senza motivo, visto che nel corso degli ultimi due secoli vi sarebbero morte o scomparse centinaia, se non migliaia, di persone.

Il triangolo delle Bermuda

L’area “più pericolosa al mondo” è identificata come il tratto di mare tra l’isola di Bermuda (a nord), la penisola della Florida (a ovest) e la punta orientale di Porto Rico (a sud), vasta complessivamente 1.100.000 km quadrati. Secondo alcune popolari teorie a partire almeno dal XIX secolo vi sarebbero scomparse centinaia di navi e di aerei senza lasciare alcuna traccia.

Onde anomale spiegano sparizione navi?

Rapimenti alieni, portali dimensionali, esperimenti miliari, condizioni climatiche estreme: la lista delle possibili spiegazioni è lunga e variegata, una delle più interessanti essendo a lungo stata quella dei vortici vili di Ivan Sanderson di cui vi abbiamo già parlato su Fanwave.it. Ora gli scienziati dell’Università di Southampton avrebbero trovato un’altra possibile spiegazione: la possibilità che a causare le sparizioni siano onde anomale.

Bermuda triangle ship

Nel documentario di Channel 5L’Enigma del triangolo delle Bermuda”, gli esperti inglesi hanno usato un simulatore indoor per ricreare onde anomale (“rogue waves”), dei mostri d’acqua che durano pochi minuti e sono state osservate per la prima volta da un satellite al largo delle coste del Sud Africa.

Destino analogo per USS Cyclops ed El Faro

Il team di scienziati ha usato un modello in scala della USS Cyclops, che scomparve nel triangolo delle Bermuda nel 1918 causando la perdita di 300 vite: ebbene, di fronte a onde anomale che nella realtà potrebbero essere alte fino a 30 metri, a causa delle sue dimensioni e del suo fondo piatto, non c’è voluto molto prima che il modello venisse totalmente sommerso dall’acqua durante la simulazione.

Situazione analoga potrebbe essere accaduta al mercantile El Faro, che nel 2015 scomparve nel triangolo con 33 persone a bordo. Tutto risolto, dunque? Non proprio, perché onde anomale anche imponenti nulla potrebbero contro aerei come i cinque aerosiluranti Grumman TBF Avenger della Squadriglia 19 che scomparvero nel 1945 (assieme al Martin PBM Mariner, esploso in volo mentre stava cercando gli aerei scomparsi).

Bombe d'aria hanno abbattuto aerei?

Qui però entra in gioco un’altra teoria, avanzata già un paio d’anni fa in una puntata della serie televisiva “Cose di questo mondo” (“What on earth”) su Discovery Science, quella delle “bombe d’aria” (o “microburst”). Si tratta di formazioni nuvolose con strani buchi esagonali al loro interno che proprio come le onde anomale presenti si formerebbero con maggiore frequenza nell’area del triangolo a causa delle diverse correnti presenti.

Bermuda triangle flight 19

Scoperte sempre tramite l’uso di satelliti, i microburst causano violenti correnti discendenti, simili ai tornado (che però generano correnti ascensionali), sufficienti ad abbattere moderni aerei di linea, come accaduto nel 1989 con l’Ilyushin Il-62M del volo 9646 della Cubana de Aviacion che si schiantò nei pressi dell’aeroporto dell’Havana, con la morte di tutte le 126 persone a bordo.

I Lloyds non temono il triangolo

Insomma, il triangolo delle Bermuda sarebbe se non maledetta certamente una delle aree più sfortuante della terra, soggetta a continui fenomeni climatici estremi. Eppure non tutti sono convinti: i Lloyds di Londra, la più famosa compagnia d'assicurazione al mondo, non fanno pagare di più la copertura assicurativa dei carichi che transitano per quell’area, tra le vie commerciali più affollate al mondo, le cui percentuali di sparizione vengono ritenute insignificanti se paragonate al traffico dell’area.

Così, alla fine, il sospetto è che o gli alieni che alcuni vorrebbero all’opera nel triangolo delle Bermuda sono davvero bravi a non far accorgere nessuno della loro presenza, o la fama sinistra del luogo sia più frutto del successo mondiale del libro “Il triangolo maledetto” di Charles Berlitz, del 1974, che non di significative statistiche. A voi la scelta se crederci o meno.

Tags: Top secret, Cospirazioni, Alieni, Misteri irrisolti