Fanwave.it
Fanwave.it
Cheope trono di ferro mistero piramide

Trono di ferro, ultimo segreto della piramide di Cheope?

Altro che Trono di Spade: un vero trono di ferro sarebbe già stato realizzato nell’antico Egitto, forse sfruttando il metallo caduto dal cielo con un meteorite.

Piramide di Cheope, resta ultimo segreto

L’affascinante teoria è di uno studioso italiano, Giulio Magli, direttore del Dipartimento di Matematica e docente di Archeoastronomia del Politecnico di Milano sulla base dei risultati di un progetto, ScanPyramids, realizzato da un gruppo di archeologi guidati da Mehdi Tayoubi (Hip Institute, a Parigi) e Kunihiro Morishima (Università di Nagoya, in Giappone), che ha rivelato l’esistenza di una stanza segreta all’interno della grande piramide di Cheope (Khufu).

Una stanza segreta sopra la grande galleria

La piramide in questione è stata costruita attorno al 2.550 a.C. ed è uno dei monumenti più grandi e complessi mai costruiti dall’uomo, ricco di camere interne accessibili tramite stretti condotti (il principale dei quali si allarga prima di giungere alla camera funebre dando vita alla “grande galleria”).

La camera segreta lunga almeno 30 metri scoperta da Tayoubi e Morishima al termine di uno dei quattro piccoli canali interni alla piramide (quello che punta a Nord), dietro una porta ancora sigillata, dovrebbe trovarsi tra la grande galleria e l’apice della piramide. Cheope piramide mistero trono di ferro

Stanza segreta contiene trono di ferro?

Al suo interno, sostiene lo studioso italiano, potrebbe trovarsi un trono di ferro, un oggetto che secondo l’antica religione egiziana serviva al faraone per poter ascendere al cielo. Il trono in questione, se veramente sarà rinvenuto, potrebbe essere come forma simile a quello della madre di Cheope/Khufu, la regina Hetepheres (ricostruito dall’Università di Harvard), ma a differnza di questo anziché essere ricoperto di lamine d’oro essere ricoperto di lamine di ferro meteoritico.

Ferro meteoritico per oggetti rituali

Si tratta di ferro ad alta percentuale di nichel proveniente da meteoriti ferrose, che gli egiziani conoscevano già molti secoli prima del regno di Cheope tanto da essere citato più volte nei testi delle piramidi. La sua origine indusse gli antichi egiziani a utilizzarlo per speciali oggetti rituali, destinati alla vita nell’aldilà dei faraoni, come nel caso del famoso pugnale di Tutankamon.

Di certo la scansione della piramide (che ha sfruttato i muoni, particelle prodotte dallo scontro dei raggi cosmici con l’atmosfera), ha già evidenziato come la stanza segreta “si trova lungo l'asse nord-sud della piramide, che ha un particolare significato simbolico”. Cheope piramide mistero trono ferro grafico

Servirebbe un’ultima esplorazione

Secondo gli antichi testi religiosi egiziani, infatti, “l’anima del faraone defunto avrebbe preso il suo posto fra le stelle che non muoiono mai, ossia quelle circumpolari delle costellazioni dell’Orsa e del Drago, dopo aver attraversato le porte del cielo” seduto sul suo trono di ferro, appunto.

L’ultima parola spetta ora alle autorità egiziane, che dovranno valutare se concedere una nuova esplorazione del condotto Nord e la possibilità di perforare la porta che ne sigilla l’estremità, così da far entrare una sonda nella stanza segreta e provare a scoprire se davvero nasconde un tesoro rappresentato da un trono di ferro meteoritico o meno.

Tags: Misteri irrisolti, Archeologia, Antico Egitto