Fanwave.it
Fanwave.it

Morte della principessa Diana: un mistero anche dopo 20 anni

Sono passati 20 anni da quella terribile notte del 31 agosto 1997 in cui Diana Frances Spencer, Lady D, ex moglie dell’erede al trono britannico, il principe Carlo, e Dodi Al-Fayed, figlio di Mohamed Al-Fayed, magnate egiziano proprietario, tra l’altro, dei grandi magazzini Harrods a Londra e dell’Hotel Ritz a Parigi, morirono in un incidente d’auto in un sottopasso del Ponte de l’Alma a Parigi.

Ma nonostante il passare degli anni, il mistero che circonda tale morte non accenna a svanire, anzi in un libro, “Chi ha ucciso Lady D” il fotografo Pascal Rostain e i giornalisti Jean-Michel Caradech e Bruno Mouron hanno elencato ulteriori punti oscuri della vicenda. Proviamo a vedere i più importanti, per capire se chi sostiene che la morta di Diana è stata frutto di un complotto ordito dai servizi segreti francesi e britannici, forse su input della famiglia reale inglese, possa avere qualche indizio concreto a sostegno.

Diana mercedes

Mercedes da rottamare

La Mercedes S280 rimasta coinvolta nell’incidente era appartenuta a Eric Bousquet: rubatagli, una volta ritrovata venne giudicata non recuperabile a causa dei danni subiti, tnto che Bousquet fu rimborsato integralmente, ma in seguito venne ripristinata e ceduta ad un’agenzia che lavorava per il Ritz, la Etoile Limousine. L’auto però avrebbe continuato a mostrare difficoltà nella tenuta di strada, di fatto risultando poco guidabile oltre i 60 km/h (l’incidente avvenne attorno ai 100 km/h)

Diana Henri Paul

Autista brillo o sobrio?

L’autista Henri Paul (morto a sua volta nell’incidente), vice responsabile della sicurezza del Ritz, era fuori servizio quella sera ma venne chiamato direttamente da Dodi Al-Fayed perché guidasse la vettura. Paul aveva seguito corsi di guida sicura specifici per le Mercedes che prevedevano anche tecniche anti-terrorismo e anti-rapimento. L’autopsia evidenziò un tasso alcolimetrico triplo rispetto al massimo consentito, ma Mohmed Al-Fayed ha sempre sostenuto che se Paul fosse stato “brillo” suo figlio e le sue guardie del corpo non avrebbero mai acconsentito che guidasse la vettura

Diana mine

Perchè Lady D era senza scorta?

Lady D aveva liquidato la scorta reale pochi mesi prima e nessuno aveva obiettato in merito alla decisione, nonostante fosse un personaggio pubblico continuamente esposto ai media e costituisse un obiettivo perfetto per eventuali attentati terroristici, tanto più dopo il suo impegno pubblico a favore di un bando della produzione mondiale di mine antiuomo. Mine che proprio la Gran Bretagna produceva più di ogni altro paese in quegli anni. E’ probabile che se la scorta reale fosse ancora stata presente avrebbe quanto meno ottenuto che la principessa Diana indossasse la cintura di sicurezza, evitando così le gravi ferite che ne causarono la morte

Diana Mannakee

La morte di Barry Mannekee

A proposito della scorta: la principessa Diana ebbe una relazione con Barry Mannakee, uno degli agenti della scorta reale e guardia del corpo di Lady D. Tre settimane dopo che Mannakee lasciò il suo incarico, il 15 maggio 1987, rimase ucciso in un incidente di moto: semplice casualità o un “avvertimento” a Lady D affinché non “giocasse col fuoco” ulteriormente? Nonostante tutti i sospetti, la morte di Mannekee fu ritenuta incidentale anche al termine dell’operazione Paget, l’indagine di Scotland Yard sulle circostanze della morte di Lady D, condotta parallelamente a quella ufficiale della polizia francese

Diana Fiat Uno

La misteriosa Uno bianca

Si parlò a lungo di una Fiat Uno bianca che avrebbe avuto un ruolo nell’incidente, ma non si è mai riusciti a rintracciare l’auto e il suo proprietario, visto che tutte le telecamere di sorveglianza lungo il percorso seguito dalla Mercedes su cui si trovavano la principessa Diana e Dodi Al-Fayed erano fuori uso. Secondo la stampa britannica, peraltro, uno dei paparazzi che seguirono quella notte l’auto, James Andanson, possedeva all’epoca proprio una Uno bianca

Diana James Andanson

Un curioso suicidio

Ad Andanson non è mai stato chiesto nulla in merito e non sarà più possibile farlo visto che è pure lui morto, ufficialmente suicida. Il suo cadavere tuttavia è stato ritrovato, con un foro di proiettile alla tempia, carbonizzato all’interno di un’auto andata completamente distrutta da un incendio: un modo quanto meno complicato per togliersi la vita, tanto che si è parlato di un omicidio-suicidio organizzato dal MI5, il servizio segreto britannico con cui pare che Andanson collaborasse come informatore

Diana pregnant

La principessa Diana era incinta?

Diana era ormai divorziata da Carlo all’epoca della sua morte, aveva già avuto una precedente “storia importante” col chirurgo di origine pakistana Hasnat Khan e secondo molti non aveva intenzioni serie con Dodi Al-Fayed, ma voleva solo provocare la gelosia di Khan e convincerlo così a sposarla. Anche per questo la principessa avrebbe fatto regolarmente uso di pillole anticoncezionali, eppure alcuni tra cui lo stesso Mohamed Al-Fayed hanno ipotizzato che potesse essere incinta all’epoca dell’incidente, ipotesi che il medico legale ascoltato nelle inchieste francesi e britannica precisò non potesse essere in alcun modo verificata o smentita.

Tags: Cospirazioni, Misteri irrisolti