Fanwave.it
Fanwave.it

Come scoprire se vostro figlio è un medium

Baby medium

Se anche voi avete un figlio o una figlia, potete capirmi: ogni volta che per qualche motivo un bambino diceva “tu parli strano” a nostro figlio il sangue mi si gelava. 

“Strano” nostro figlio lo è sembrato fin da piccolo, quando ha iniziato a evitare la compagnia, chiassosa, dei piccoli compagni dell’asilo, trascorrendo a volte ore in compagnia di qualche amico immaginario o rimanendo a fissare il vuoto, come se vedesse o udisse cose che noi non potevamo udire.

Poi, un giorno, abbiamo scoperto: nostro figlio aveva capacità da medium. Col tempo sta imparando ad affinarle e a nascondere agli altri, perché essere troppo “diverso” non aiuta.

Ma come potete accorgervi se anche vostro figlio ha capacità cognitive superiori alla media? In realtà, dicono gli esperti, si tratta probabilmente di un tratto ereditario, se non proprio genetico, quindi dovreste avere altri esempi in famiglia.

Siccome non tutti da bambino mostrano in modo così evidente questo “dono”, come alcuni lo definiscono, eccovi qualche segnale che abbiamo imparato essere sintomo di queste capacità.

AMICI IMMAGINARI

I bambini raramente distinguono tra ciò che è reale e ciò che è paranormale, se il fantasma di un altro bambino si avvicinasse a vostro figlio tanto da iniziare a giocare con lui, potrebbe pensare che sia reale, mentre voi pensereste che si tratta di un amico immaginario.

Provate a chiedergli dettagli come l’abbigliamento o l’età di questi amici.

SOGNI VIVIDI

Secondo alcuni chi fa sogni particolarmente vividi entra in contatto con altre dimensioni, in grado di lasciare una traccia nel subconscio umano.

Se i sogni di vostro figlio sono sempre molto ricchi di dettagli e fantasia, potrebbero essere un segnale rivelatore delle sue superiori capacità cognitive.

GRANDE INTUITO

Vostro figlio potrebbe notare dettagli che inizialmente sembrano poco importanti per poi rivelarsi spesso fondamentali.

I bambini con un maggiore intuito hanno una capacità cognitiva superiore alla media e possono entrare in contatto con emozioni e sensazioni che altri non percepiscono neppure.

Baby medium
CARICA EMPATICA

Un bambino empatico, ossia con la capacità di condividere emozioni altrui avvertendole come proprie, è molto sensibile alle esigenze di anziani, persone sole o malate, animali e, naturalmente, eventuali fantasmi.

I bambini empatici possono avvertire come propria anche il dolore o lo stato di indisposizione di chi sta loro vicino e farlo proprio, tendono a chiudersi in se stessi e a non fare troppo gruppo con altri, stringendo rapporti stretti con un numero ristretto di amici e familiari.

SCOPRIRE COSE SCONOSCIUTE

Se vostro figlio riesce a sapere sempre dove si trovano oggetti apparentemente smarriti o dimenticati, se avverte la presenza di persone attorno a sé, ad esempio preavvertendo l’arrivo di una visita, ciò potrebbe essere indizio di una buona capacità da medium.

NAUSEA E FISCHI ALL’ORECCHIO

Anche sensazioni fisiche come senso di nausea o fischi all’orecchio sono segnali di possibili capacità medianiche, essendo una forma di reazione alla presenza di spiriti o altre manifestazioni paranormali.

IL DONO SEGRETO

Come detto, nostro figlio crescendo cerca sempre più di tenere segreto il suo “dono”. E’ una reazione comune specie durante l’adolescenza, quando essere accettati dal gruppo è importante ed apparire troppo “diversi” è qualcosa che la maggior parte di ragazzi e ragazze cerca di evitare a ogni costo.

MEDIUM DI FAMIGLIA

Cercate di scoprire se altri nella vostra famiglia abbiano mai avuto il “dono”: una nonna che sapeva in anticipo quando stava per ricevere una visita, un nonno che si sognava parenti e amici in punto di morte qualche giorno prima di averne notizia, sono indizi che concorrono a confermare che vostro figlio o vostra figlia può essere il prossimo medium della vostra famiglia.

Baby medium

Tags: Misteri irrisolti, Paranormale