Fanwave.it
Fanwave.it

Cagliostro: mago, massone o semplice truffatore?

Conte di Cagliostro

Per Giacomo Casanova, che lo conobbe in Francia, Alessandro, Conte di Cagliostro, nato a Palermo il 2 giugno 1743 e morto nella fortezza di San Leo, dove venne rinchiuso a vita per scontare una condanna per eresia, il 26 agosto 1795, era “un genio fannullone che preferisce una vita di vagabondo a un'esistenza laboriosa”.

Cagliostro, un genio fannullone

Eppure Cagliostro è certamente tra le figure più misteriose e controverse del periodo che precedette la rivoluzione francese e l’epopea napoleonica. Figlio, secondo la storia ufficiale, di un venditore di stoffe (Pietro Balsamo) e battezzato coi nomi Giuseppe, Giovanni Battista, Vincenzo, Pietro, Antonio e Matteo, il futuro avventuriero, massone ed alchimista lasciò da ragazzo la Sicilia per trasferirsi a Roma dove nel 1768 sposò la più giovane Lorenza Serafina Feliciani (nata l’8 aprile 1751), figlia di un fonditore di bronzo, come tuttora attesta l’originale certificato di matrimonio, conservato.

Falsario e avventuriero

Giuseppe si dedica all’attività di falsario, deve spesso cambiare città e finisce anche arrestato. Dall’Italia inizia poi a girare con la moglie (spinta dal marito a divenire l’amante di nobili e banchieri) per l’Europa soggiornando con alterne fortune in Francia, Spagna e Inghilterra almeno fino al 1772.

A quel punto Lorenza sembrò voler cambiar vita, preferendo divenire l’amante “ufficiale” dell’avvocato francese Duplessis (amministratore dei beni della marchesa de Prie) e denunciò il marito per sfruttamento della prostituzione.

Giuseppe controdenunciò la moglie per abbandono del tetto coniugale: Lorenza scontò così 4 anni di carcere e al termine dei quali ritirò la propria denuncia tornando a vivere col marito, per poi riprendere a viaggiare.

La coppia visse per qualche tempo in Belgio, Germania, Italia, Malta, Spagna e nuovamente in Inghilterra, dove Balsamo avrebbe incontrato anche il Conte di Saint-German: è in questo periodo che iniziò a comparire in scena Alessandro Conte di Cagliostro (e la moglie Serafina, Contessa di Cagliostro), iniziato alla massoneria londinese presso la loggia “L’Espérance”, appartenente al Rito della Stretta Osservanza, la prima di una lunga serie di iniziazioni.

Conte di Cagliostro

Cagliostro gran maestro massone

Cagliostro e Balsamo, secondo la storia, sono la stessa persona ma il diretto interessato ha sempre negato e alcuni studiosi oggi credono che Balsamo fosse un imbroglione palermitano, usato nel 1789 dal Sant’Uffizio, che nel frattempo aveva arrestato il vero Cagliostro accusandolo di essere massone (e dunque eretico) e mago, oltre che bestemmiatore, in ogni caso un pericoloso sovversivo fin troppo abile nell’intrecciare relazioni di alto livello, come difficilmente avrebbe potuto fare un imbroglione di umili origini.

Prima dell’arresto a Roma e della conseguente condanna, Cagliostro era divenuto amico del cardinale ed ex ambasciatore di Francia a Vienna, Louis René Édouard de Rohan, e aveva fondato, tra il 1781 e il 1784, la propria Massoneria di Rito Egizio di cui si proclamò Gran Cofto (ossia Gran Maestro), eleggendo la moglie a Grande Maestra del Rito d’Adozione (ossia della loggia riservata alle donne).

Cagliostro sperava che tale loggia potesse essere riconosciuta dalla Chiesa Cattolica, ma ciò non avvenne mai. Insomma: brillante imbroglione o personaggio davvero misterioso? Forse non lo sapremo mai, visto che il Vaticano non ha mai consentito di esaminare i documenti sequestrati nel 1789 al Conte di Cagliostro, autentici o fasulli che fossero.

Tags: Magia, Misteri irrisolti