Fanwave.it
Fanwave.it

Coniugi Hill: cosa c’è dietro il caso di Zeta Reticuli

Barney e Betty Hills
Barney e Betty Hill

Forse non saranno milioni come affermano alcuni, ma i casi di persone che sostengono di essere state rapite da alieni da decenni sono ormai numerosi in tutto il mondo e in aumento persino in Italia come già Fanwave.it ha già segnalato.

Il caso dei coniugi Barney e Betty Hill

Molti casi sono stati classificati come semplici allucinazioni, quando non truffe conclamate. Alcuni tuttavia sono rimasti irrisolti anche a distanza di decenni, come quello dei coniugi statunitensi Barney e Betty Hill, che nel 1961 sostennero di essere stati rapiti da entità aliene a Portsmouth, in New Hampshire, nella notte tra il 19 e il 20 dicembre. Si tratta anzi di quella che può essere considerato il primo caso celebre di “rapimento alieno” dell’età moderna.

Coppia mista, cosa rara per l’epoca (Barney era afroamericano, Betty bianca), gli Hill erano anche attivisti della National Association for the Advancement of Colored People (l’Associazione nazionale per l’avanzamento delle persone di colore) ed erano dunque piuttosto in vista.

Secondo la loro testimonianza, resa in sedute di ipnosi regressiva registrate su nastro ed ancora pubblicamente disponibili, il 19 dicembre, verso le 22.00, i due coniugi stavano rientrando a casa, trovandosi nei pressi delle White Mountains, quando notarono un oggetto luminoso in cielo che ritennero essere un aereo in difficoltà o un satelllite.

Barney e Betty Hills
Ricostruzione dell'incontro con l'Ufo

Ricordi riemergono grazie a ipnosi regressiva

Rientrati in casa scoprirono che erano passate diverse ore, senza che se ne fossero minimamente accorti. Proprio grazie all’ipnosi regressiva i due, che nel frattempo avevano iniziato a sperimentare emicranie, ustioni e incubi notturni, riuscirono a ricostruire cosa sarebbe accaduto nel lasso di tempo di cui non avevano ricordo (il cosidetto "missing time").

Barney sarebbe infatti in un primo momento sceso dall’auto e avvicinatosi alla strana luce che nel frattempo era scesa a terra, solo per rendersi conto che si trattava di un veivolo di fattura extraterrestre da un cui oblò gli parve di scorgere delle figure umanoidi. A quel punto sarebbe tornato in macchina spiegando alla moglie di aver avuto la sensazione che quegli esseri volessero catturarlo.

L’auto ripartì provando a seminare il veivolo senza però riuscirvi. A un certo punto l’auto si sarebbe, anzi, fermata e gli esseri li avrebbero circondati, invitandoli a salire a bordo. Qui sarebbero stati sottoposti a test fisici e da lì sarebbero derivati i malesseri di cui in seguito soffrirono i coniugi Hill.

Barney e Betty Hills
La mappa di Zeta Reticuli disegnata dai coniugi Hill

Mappa stellare a bordo dell'Ufo

La cosa più sorprendente, come ricordato anche dalla trasmissione Mistero Adventure, fu però che la signora Hill in una ulteriore seduta di ipnosi regressiva sarebbe riuscita a ricostruire una mappa stellare vista a bordo dell’Ufo, descrivendo inoltre gli extraterrestri a bordo dell’ufo come esseri umanoidi di bassa statura, con testa e occhi grandi e dalla pelle grigia.

L’ufologa Marjorie Fish ritenne poi di individuare nella mappa il sistema di Zeta Reticuli (un sistema binario distante 39,2 anni luce dalla Terra), suggerendo che i “grigi” potessero provenire da lì. Qui finisce la storia degli Hill e iniziano le discussioni sulla veridicità del caso e sulle possibili ulteriori interpretazioni dell’episodio.

Ipotesi viaggiatori del tempo

Gli “extraterrestri” secondo Mistero Adventure, potrebbero essere stati dei viaggiatori del tempo e visto l’interesse più volte dimostrato nei confronti dell’umanità avrebbero potuto essere niente altro che umani di un lontano futuro, forse degli archeologi o storici tornati a visitare periodi storici “critici” per il futuro dell’umanità. L’ipotesi è affascinante, ma per il momento i viaggi nel tempo sono tanto teorici quanto i viaggi intergalattici a velocità subluminari.

Non è però detto che una società con qualche centinaia di migliaia di anni (o milioni) di evoluzione in più di quelli attualmente sperimentati dall’umanità non possa essere in grado di piegare alle sue necessità quelle che ad oggi sembrano leggi fisiche e limiti invalicabili. Mai dire mai, dunque, almeno finché non sarà possibile offrire una convinzione esaustiva e convincente di casi come quelli dei coniugi Hill.

Tags: Alieni, Misteri irrisolti, Rapimenti alieni