Fanwave.it
Fanwave.it

Piramidi, quanti segreti nascondono ancora?

Piramide di Kukulkán
Piramide di Kukulkán nella città Maya di Chichén Itzá, in Messico

C'è chi parla di leggenda metropolitana, chi pensa alla burla, chi non esclude il coinvolgimento in qualche modo di civiltà aliene. Di certo le piramidi fanno parlare di sé da secoli e di recente sembrano aver iniziato a rivelare tracce dei loro segreti. Uno dei casi più clamorosi è quello della piramide di Kukulkán nella città Maya di Chichén Itzá, in Messico, che gli antichi Conquistadores spagnoli soprannominarono la piramide "El Castillo" scoprendo presto che chi sale lungo le sue quattro scalinate (una per lato) di 91 scalini ciascuna ode un suono simile alla pioggia battente, mentre battendo le mani sembra di udire dei cinguettii.

Secondo le indagini svolte anni or sono da una equipe di ricercatori belgi, è la struttura stessa della piramide, progettata dei costruttori Maya come una cassa armonica, a favorire un complicato gioco di suoni e risonanze, creando intenzionalmente effetti sonori per evocare echi sorprendenti che richiamassero in coloro che si avvicinavano alla sommità della piramide la potenza del dio della pioggia Chaac Kabah, una tra le più importanti del pantheon maya. Ma il fatto più sorprendente è un altro. Nella mitologia maya Chaac Kabah con la sua ascia di luce colpisca le nuvole per produrre fulmini e pioggia.

Piramide di Kukulkán
Raggio di luce proveniente dalla piramide di Kukulkán

Ebbene, secondo la testimonianza di un turista, Hector Siliezar, che con moglie e figli era in visita a Chichén Itzá nel 2009, la piramide emetterebbe un raggio di luce dalla sua sommità verso il cielo, non visibile a occhio nudo. Siliezar, attratto da un temporale che si era scatenato durante la visita alle rovine, fece alcune foto col suo smartphone. Nelle prime due nulla di strano: si notano minacciose nubi scure sopra la piramide; nella terza però si vede un potente fascio di luce levarsi dalla sommità di "El Castillo" verso il cielo, mentre scoccano lampi sullo sfondo.

Siliezar ha sempre dichiarato che né lui né moglie o figli (ma neppure la guida che li accompagnava) se ne fossero accorti. Potrebbe trattarsi di un difetto della fotocamera o di uno scherzo, se non fosse che un effetto analogo venne registrato nel 2009 e nel 2010 in Bosnia, nei pressi della sommità della collina Visočica, soprannominata la "piramide di luce", che con altre due colline vicine, soprannominate rispettivamente la "piramide della luna" e la "piramide del drago", fa parte del complesso delle cosiddette "piramidi bosniache" sulla cui origine (per alcuni opera dell'uomo e risalente all'ultima glaciazione, per altri assolutamente naturale) da anni è in atto un acceso dibattito nella comunità scientifica internazionale.

piramide di luce
Piramide di luce, Bosnia

Curiosamente da qualche tempo anche il governo cinese sembra aver messo sotto osservazione il complesso delle quattro piramidi di Xianyang per verificare se nei pressi delle stesse si verificasse un qualche tipo di attività insolita, come la trasmissione di un qualsiasi tipo di energia, mentre pochi anni or sono un'altra foto scattata "per caso" ha evidenziato, una volta controllata, un raggio di luce o di energia uscire dalla cima della "Piramide della Luna" di Teotihuacan, in Messico. Semplici coincidenze o, come sostiene qualcuno, le piramidi hanno ancora da rivelarci tutti i loro segreti, magari relativi alle energie o informazioni che sembrano trasmettere verso lo spazio? Chissà se lassù qualcuno è in ascolto...

Tags: Top secret, Città, Magia, Piramidi