Fanwave.it
Fanwave.it

Il Celacanto e altri sopravvissuti alle estinzioni di massa

Celacanto
Celacanto fossile risalente al periodo dei dinosauri. Al ritrovamento si credette che fosse una specie estinta.

L'uomo è abituato a considerarsi il padrone della Terra, ma è davvero così o esistono specie molto più antiche di quella umana che tuttora abitano il nostro mondo? L'Homo Abilis dal quale deriviamo è comparso relativamente di recente sul pianeta, ossia tra i 300 e i 200 mila anni fa.

Se invece vogliamo risalire ai primi antenati dell'uomo, gli Astralopithecus a cui apparteneva "Lucy", considerata l'anello di congiunzione tra i primati e gli ominidi, questi hanno fatto la loro comparsa in Africa tra i 4 e i 3 milioni di anni fa.

oltre 60 milioni di anni tra l'ultimo dinosauro e il primo uomo

A quell'epoca i dinosauri erano estinti da decine di milioni di anni: la scomparsa loro e di gran parte delle specie coeve (salvo gli squali, i cui lontani progenitori comparvero tra i 450 e i 25 milioni di anni fa, mentre le specie moderne apparvero dai 100 ai 15 milioni di anni fa) avvenne infatti circa 65,95 milioni di anni fa nell'ultima grande estinzione di massa della vita sulla Terra (in tutto ve ne sono state 5, tra i 450 e i 65,95 milioni di anni fa, la più grave essendo stata la cosiddetta "Grande Moria" del Permiano, circa 251,4 milioni di anni). E' possibile che alcune specie siano sopravvissute a questi eventi spaventosi del lontano passato del nostro pianeta?

Celacanto
Celacanto

i pochi sopravvissuti alle antiche estinzioni di massa

La risposta, incredibilmente, è positiva anche se per avere tale conferma si sono dovuti attendere gli esiti di ricerche compiute negli ultimi decenni. In tutto le specie animali sopravvissute alle grandi estinzioni di massa del passato remoto della Terra sono cinque e tutte marine.

Il Celacanto, di cui sono state riscoperte due specie, è una delle più antiche, essendo comparsa sulla Terra circa 400-390 milioni di anni ed essendo rimasta pressoché immutata da allora, al pari del Limulo, comunemente chiamato "granchio a ferro di cavallo" (anche se non è realmente un granchio, bensì un chelicerato, e può essere considerato un parente alla lontana degli scorpioni), comparso però sul pianeta "solo" 210 milioni di anni or sono e tuttora presente con 5 specie, tutte marine.

Limulo
Limulo

celacanto, nautilo o lingula: chi è il più antico?

Più incerta la datazione circa la comparsa sul pianeta del Nautilo, un mollusco di cui esistono 5 specie al mondo ed i cui fossili sono stati trovati in giacimenti del Paleozoico (periodo andato dai 542 ai 251 milioni di anni fa). Parente relativamente stretto del Celacanto e sostanzialmente coevo come comparsa sulla Terra è il Dipnoo, di cui tuttora esistono sei specie che vivono nelle acque dolci dell'Amazonia, Australia e Africa.

Infine la Lingula, un brachiopode è il più antico "fossile vivente" esistente al mondo, essendo comparso ben 500 milioni di anni fa ed essendo dunque sopravvissuta a tutte e cinque le grandi estinzioni di massa del pianeta. Non deve essere stata una passeggiata, visto che ormai sopravvive solo in "ambienti rifugio", caratterizzati da scarsa popolazione e competizione, in acque più profonde di quelle in cui viveva un tempo.

Nautilo
Nautilo

Tags: Scienze, Animali, Natura, Ambiente, Estinzione