Fanwave.it
Fanwave.it
Coronavirus - cover

Coronavirus: per Anonymous la Cina mente

Il coronavirus continua a mietere vittime: secondo gli ultimi dati forniti dalla Commissione sanitaria nazionale (Nhc) cinese i decessi sono ormai saliti a 305 e i casi di contagio accertati a 14.631 (pari a circa il 2%).

Numeri che potete monitorare sul sito Worldometers che appaiono purtroppo destinati a crescere. Ma la realtà potrebbe essere anche peggiore, se come accusa il gruppo di hacker Anonymous, il governo di Pechino sta volutamente fornendo numeri sottostimati per non dover ammettere di essersi mosso con colpevole ritardo.

Coronavirus, Pechino mente sull’origine?

Fin qui niente di realmente sconvolgente, per quanto tragico. Ciò che potrebbe essere davvero grave, se venisse confermato, è la possibile origine del virus in un laboratorio a Wuhan (città da 11 milioni di abitanti, posta ormai totalmente in quarantena, da cui si ritiene si sia sviluppato il virus) di cui aveva già parlato la rivista Nature tre anni or sono.

Coronavirus Wuhan

E’ noto inoltre che il National Bio-safety Laboratory di Wuhan fa ricerca su virus estremamente pericolosi come Ebola, la febbre emorragica di Marburg, la febbre emorragica della Crimea-Congo, la febbre di Lassa, la sindrome respiratoria acuta grave (Sars), l’influenza aviaria A (H5N1), la febbre della Rift Valley e le malattie virali di Nipah e Hendra ed è il primo aperto in Cina (se non si contano i 2 già attivi a Taiwan) di livello BSL-4, ossia il massimo grado di sicurezza quanto a contenimento di agenti biologici.

Il virus è scappato da un laboratorio di Wuhan?

Anche per Anonymous non c’è ancora una prova chiara che un incidente o altro abbia fatto “evadere” il coronavirus dal laboratorio, che dista solo 20 miglia dal mercato del pesce di Huanan dove si ritiene si sia verificato il primo caso di infezione. Ma già il virus Sars sarebbe sfuggito “più volte” alla struttura.

In attesa di chiarire, se mai sarà possibile farlo, l’eventuale coinvolgimento della struttura nell’origine dell’epidemia di coronavirus in corso, Anonymous afferma di stare ricevendo ulteriori segnalazioni di una diffusione del virus in Cina ormai a livello di pandemia e chiede a tutti di impegnarsi a fare rumore per “superare il grande firewall cinese”. Obiettivo che in realtà sembrerebbe già essere stato raggiunto.

Coronavirus può frenare ripresa mondiale

Sempre più compagnie aeree (tra cui Lufthansa e British Airways), ma anche grandi catene distributive (da Ikea a Starbucks) stanno infatti interrompendo le loro operazioni in Cina (e paesi come l'Italia hanno decretato lo stop a ogni volo da e per la Cina) almeno fino a quando non si saranno calmate le acque. Il rischio è che questa “frenata” possa trasmettersi dalla Cina all’intera economia mondiale con conseguenze più o meno pesanti sui vari paesi, Italia compresa.

Coronavirus BSL 4 Wuhan

Da parte nostra speriamo che nessuno voglia giocare al “piccolo cospiratore” lanciando allarmi ingiustificati solo per scarsa attitudine al fact-checking o per fare audience (come purtroppo hanno già fatto alcuni siti, giornali e telegiornali, anche italiani), piuttosto che per partito preso (come alcuni gruppi di fanatici antivaccinisti americani su Facebook, le cui deliranti tesi sono state rilanciate dal candidato repubblicano al Senato, Shiva Ayyadurai), ma solo sottolineare la giusta esigenza di trasparenza.

Antivaccinisti scatenati: è tutto un business!

Finora, infatti, l’origine “naturale” rimane l’ipotesi più probabile e nonostante la preoccupante crescita il numero di contagiati e deceduti resta infinitamente più piccolo di quelli causati dalla comune influenza (che ogni anno uccide 646 mila persone al mondo).

Mentre il “business dei vaccini”, bilanci alla mano, rende alla case farmaceutiche molto meno di altri come il business degli antidolorifici o, a maggior ragione, dei farmaci contro il cancro. Contro i quali nessuno, Anonymous o meno, si è mai sentito in dovere di lanciare allarmi e crociate. Attenti e informati assolutamente sì, involontari trasmettitori di falsi allarmi anche no, grazie.

Tags: Salute, Cospirazioni, Epidemie