Fanwave.it
Fanwave.it
leggenda ponte arcobaleno anima animali

La leggenda del ponte dell’arcobaleno

Se ci sia qualcosa dopo la morte e cosa sia, nessun essere vivente può dirlo. Tanto più questo è vero per i nostri amici animali: non sappiamo se li ritroveremo un giorno, ma speriamo fortemente di sì.

Chiunque abbia avuto accanto a sé per anni un cane o un gatto o altro animale domestico e ne ha poi subito la perdita, sa bene il dolore lacerante che questa comporta se realmente lo ha amato ed è stato riamato. La loro morte lascia un vuoto nelle nostre vite che non è facile riuscire, se mai vi riuscirete.

Animali: l'anima e il ponte dell'arcobaleno

Per questo spesso ci interroghiamo sulla possibilità che anche gli animali abbiano un’anima (magari anch'essa con un peso specifico), che anche per loro possa esserci un aldilà, che un giorno potremo riunirci finalmente senza dolori e affanni. I nativi americani in particolare si tramandano una leggenda antica, quella del Ponte dell’Arcobaleno.

Secondo questo mito, quando un gatto o un altro animale muore, la sua anima segue un percorso luminoso, il ponte dell'arcobaleno appunto, giungendo infine in una sorta di paradiso animale, dove tutti i nostri amici a quattro zampe (e non) potranno radunarsi e tornare a giocare, felici e spensierati, senza più dolore alcuno.

red ponte arcobaleno

Ci ritroveremo dopo la morte e sarà una festa

Di tanto in tanto uno di loro si fermerà, fiuterà l’aria, scruterà l’orizzonte e poi all’improvviso inizierà a correre. Finalmente vi avrà riconosciuto, siete anche voi trapassati e ora potete riunirvi e tornare a volervi bene, umani e animali, come nel corso della vostra vita terrena.

E’ un mito molto bello, molto potente, molto giusto. La morte è un atto al tempo stesso terribilmente naturale ma terribilmente ingiusto, se avete assistito agli ultimi istanti di vita di un vostro caro sapete quanto possano essere spaventosi, che si tratti di umani o animali.

Conoscete quel senso di impotenza, quella rabbia cieca che vi monta dentro, quella voglia di distruggere tutto perché ora niente ha più valore. E quella spossatezza, quell’apatia, che vi coglie poco dopo, quando capite che voi siete condannati a restare e non potrete rivedere più il vostro carissimo animale, che negli anni è riuscito a divenire un membro “adottivo” della vostra famiglia.

red bis ponte arcobaleno

Un lutto che lascia un vuoto incolmabile

Lo cercherete ancora a lungo con lo sguardo quando rientrerete in casa, nonostante sappiate non possa più comparire all’improvviso. Continuerete a fare attenzione a dove riponete bicchieri, alimenti o vestiti, nonostante nessuno più li potrà far cadere, o sottrarre, o giocarci. Eviterete forse persino di pulire quel maglioncino così pieno di peli di gatto o di cane, per non perdere quest’ultimo contatto.

Pensare che il nostro piccolo compagno abbia seguito un sentiero di luce ed ora riposi in pace, che un giorno saremo in grado di ritrovarlo, di riabbracciarlo, di giocare di nuovo con lui ci dà un poco di conforto. Ma la paura che tutto questo non esista, che sia solo una nostra illusione gentile, ci attanaglia e ci attanaglierà tutta la vita. Speriamo che la leggenda del Ponte dell’Arcobaleno o le credenze religiose sull'aldilà abbiano un fondo di verità.

A Red, il mio miciotto nato il 28 gennaio 2002, morto il 28 luglio 2019. Che possa giocare presso il ponte dell’arcobaleno finché non ci ritroveremo.

Tags: Animali, Gatti, Cani, Anima