Fanwave.it
Fanwave.it
Egitto sotto la neve verità e bufale

Egitto sotto la neve: come distinguere verità da bufale

Anche in Egitto può cadere la neve. Può sembrare la conferma che il clima ormai è drammaticamente e forse irreversibilmente cambiato, o che la fine dei tempi si avvicini se preferite.

Neve in Egitto grazie a Photoshop?

In realtà il fenomeno per quanto inconsueto non è così raro non solo in Egitto ma in tutto il Medio Oriente, almeno nelle zone montuose. Ma bisogna sempre diffidare delle foto che circolano su internet.

Le numerose foto delle piramidi di Giza ricoperte di neve sono ad esempio tutte, senza eccezioni, frutto di elaborazioni a Photoshop. In realtà basta alterare il contrasto e l’equilibrio cromatico e quella che è una foto del deserto dai caldi toni gialli sembra diventare un paesaggio innevato in bianco e nero.

Le riproduzioni di Tobu Square

Per le numerose foto della Sfinge ricoperta di neve, come pure per quelle del tempio di Abu Simbel, è diverso: si tratta di immagini scattate presso il parco tematico giapponese di Tobu Square, dove sono riprodotte in miniatura le principali attrazioni turistiche del mondo, incluse quelle egiziane.

Se ancora aveste dubbi, osservate i turisti che si vedono nelle immagini: sono sempre tutti nella stessa identica posizione, indossano abiti leggeri e colorati, sembrano sproporzionati rispetto alle dimensioni dei cristalli di neve. Infatti sono modellini in scala, mentre la neve è reale.

La vera nevicata del 2013

Ci sono poi numerose immagini nel web che testimoniano una vera nevicata che colpì l’Egitto nel dicembre 2013. Fu un evento straordinario ma si limitò a una coltre di un paio di centimetri sufficiente solo a fare qualche minuscolo pupazzo di neve sui cofani delle auto.

Non abbastanza, invece, per riprodurre con la neve sfinge o piramidi. Le loro foto in rete si riferiscono a una nevicata nei pressi di Newcastle upon Tyne (l’antica Novocastro romana), in Inghilterra.

Evento inconsueto ma non impossibile

La nevicata del 2013 infastidì sicuramente i cammelli che si trovavano nella regione montuosa del Sinai, e colpì anche molte altri stati medio orientali da Israele alla Siria alla Turchia. Anche in anni più recenti si sono tuttavia avute precipitazioni nevose, ad esempio nel nord dell’Arabia Saudita.

Si è trattato sempre di zone montuose e di precipitazioni di limitata consistenza, simili a quelle che ogni anno colpiscono il Sud Italia imbiancando per qualche ora o giorno il Vesuvio o l’Etna. Sebbene l’evento sia raro non è certo la fine del mondo. Vedere per credere: cliccate sotto e godetevi la nostra gallery!

Tags: Fotografia, Misteri risolti, Antico Egitto