Fanwave.it
Fanwave.it
viaggio sottoterra bunker cover

Uno spaventoso viaggio sottoterra

Da qualche parte non meglio precisata dell’ex Germania dell’Est c’è una foresta in cui i genitori non permettono ai loro figli di inoltrarsi, a causa di alcuni tubi che spuntano dal terreno come dei periscopi.

Nel 2015 due ragazzi hanno deciso di indagare meglio quali segreti si nascondessero in quella foresta. Quello che i due esploratori hanno scoperto lì sotto ha inorridito loro e tutti coloro che hanno visto la gallery completa, che trovate su Imgurl.

Un viaggio sottoterra

Trovare l’ingresso al complesso sotterraneo (la cui origine resta incerta) non è stato difficile: si trova a un centinaio di metri dai tubi tra gli alberi di conifere. L'ingresso era ostruito da una tavola di legno, ma questo non fermò i due amici che una volta rimosa la tavola e forzato il lucchetto sulla porta di ferro, arruginito, non si sono preoccupati di poter rimanere intrappolati all’interno ed hanno iniziato il loro viaggio sottoterra.

Per evitare di smarrirsi i ragazzi addentrandosi all’interno del bunker hanno deciso di andare sempre dritti senza voltare ai numerosi incroci. Percorsero una lunga serie di corridoi apparentemente senza fine, come in un ospedale dall’acustica spaventosa. Dovettero tuttavia tornare sui propri passi quando si trovarono di fronte a un primo vicolo cieco.

Un macabro labirinto

I due amici si resero presto conto di non essere stati i primi a visitare di recente il complesso sotterraneo per via dei numerosi graffiti sui muri dei corridoi. Nell’ultimo trovarono scritto “Hilfe” che significa “Aiuto” in tedesco. Era forse un macabro avvertimento? Poco oltre trovarono una pesante porta di ferro, che però era crollata a terra, oltre la quale trovarono vari altri vicoli ciechi.

Dalle scritte sulla porta e su alcuni corridoi, in cirillico, i due ragazzi ritennero che il bunker potesse essere stato utilizzato da personale sovietico durante la Guerra Fredda, forse dopo essere stato realizzato dai Nazisti nella Seconda Guerra Mondiale. Provando ad esplorare un’altra stanza i due ragazzi si trovarono di fronte un corridoio allagato.

C’è un uomo seduto nel buio?

Dalla porta, illuminando la stanza con le loro torce, i ragazzi intravidero un cumulo di detriti e spazzatura che a prima vista gli sembrò essere la sagoma di un uomo seduto nel buio. Ripresisi dallo spavento e resisi conto che così non era tornarono ad esplorare il complesso, ma si trovarono di fronte ad un altro corridoio allagato.

Attraverso un foro quadrato nel muro, i due amici riuscirono a scattare alcune foto di un’altra grande stanza allagata che ospitava un macchinario che i due esploratori non sono riusciti a identificare. Con la batteria della macchina fotografica ormai quasi scarica, i ragazzi hanno scattato le ultime foto a quello che sembrava un grande serbatoio con una botola di accesso sul soffitto.

Ritorno in superficie

A quel punto hanno dovuto tornare sui propri passi sino all’ingresso del bunker. Si è così concluso senza ulteriori spaventi o incidenti il viaggio più terrificante della loro vita. Nessuno zombie nazista o sovietico, nessuno spettro, nessun ordigno bellico che potesse esplodere o comunque ferirli. Forse un poco di fortuna, che non guasta mai.


  • complesso sotterraneo ingresso
  • complesso sotterraneo corridoi
  • complesso sotterraneo vicolo cieco
  • complesso sotterraneo porta acciaio
  • complesso sotterraneo freccia uscita
  • complesso sotterraneo hilfe
  • complesso sotterraneo corridoio allagato
  • complesso sotterraneo immondizia forma uomo
  • complesso sotterraneo macchinario
  • complesso sotterraneo vicolo cieco allagato
  • L'ingresso al complesso sotterraneo nascosto in una foresta dell'ex Germania dell'Est.
  • Una lunga serie di corridoi apparentemente interminabili.
  • Un primo vicolo cieco. Occorre tornare indietro.
  • Pesante porta di metallo divelta, con scritte in cirillico.
  • Indicazioni sui muri, sempre in cirillico.
  • Hilfe in tedesco significa Aiuto. Un sinistro avvertimento?
  • Avanzando nel complesso sotterraneo si incontrano corridoi parzialmente allagati.
  • E' la sagoma di un uomo seduto nel buio laggiù? No, è solo un mucchio di detriti...
  • Un macchinario non meglio identificato nelle profondità del sottosuolo.
  • Ancora un vicolo cieco. Il viaggio sottoterra è finito, meglio tornare in superficie.

Tags: Top secret, Misteri risolti, creepypasta