Fanwave.it
Fanwave.it
morti armi da fuoco Usa

Usa, la statistica agghiacciante dei morti da armi da fuoco

Le ultime sparatorie con decine di morti negli Usa riaprono il dibattito sulla libertà di comprare e detenere armi da fuoco, ma difficilmente la situazione cambierà.

Da anni, infatti, le statistiche sono agghiaccianti, senza che questo riesca a smuovere l’opinione pubblica e tanto meno il partito Repubblicano, storicamente alleato (e finanziato) della National Rifle Association (Nra), la più potente lobby d’America rispetto alla quale anche le misteriose “società segrete” spesso citate dagli amanti della teoria complottista fanno la figura di circoli di dilettanti.

Usa armi da fuoco vendita

Armi da fuoco, le statistiche di Gun Violence Archive

Chiunque volesse vedere quanti morti fanno le armi da fuoco negli Stati Uniti ogni anno, non avrebbe che da collegarsi al sito Gun Violence Archive (https://www.gunviolencearchive.org) per avere numeri aggiornati.

Mentre scriviamo questo articolo da inizio anno vi sono già stati più di 49 mila incidenti con armi da fuoco, che hanno causato la morte di oltre 12.500 persone e più di 24.200 feriti. Il numero dei bambini di età fino a 11 anni uccisi o feriti è se possibile ancora più impressionante: 571, ossia 1,82 bambini feriti o uccisi ogni giorno da inizio 2018.

Altrettanto impressionante è il numero di ragazzi (12-17 anni) feriti o uccisi: 2.431, ossia quasi 8 al giorno. Al confronto gli uccisi in sparatorie di massa come le ultime presso la sinagoga di Pittsburgh (11 morti) o in un locale notturno di Los Angeles (12 morti) sono una piccola frazione, “solo” 307 da inizio anno, ossia poco meno di una vittima al giorno.

morti armi da fuoco Usa cartina

Le vittime negli Usa aumentano anno dopo anno

Se poi guardiamo alle circostanze in cui tali incidenti si sono verificati, scopriamo che da inizio anno sono già morti oltre 1.700 persone a causa di un’infrazione di domicilio, mentre oltre 1.500 sono il risultato di un utilizzo difensivo delle armi e quasi 1.350 sono vittime di un colpo partito non intenzionalmente.

L’aspetto peggiore di tutta la vicenda è che se si confrontano i numeri di quest’anno con quelli degli anni passati, si nota che gli incidenti, i feriti e i morti continuano ad aumentare anno dopo anno, senza che nessuno faccia nulla.

Nel 2014 oltre 44.800 incidenti con armi da fuoco fecero quasi 12.500 morti e circa 22.900 feriti, nel 2015 quasi 53.800 incidenti uccisero oltre 13.500 persone e ne ferirono più di 27.000, nel 2016 gli incidenti sfiorarono i 59.000, i morti superarono quota 15.100 e i feriti furono più di 30.600, lo scorso anno gli incidenti sono arrivati a quasi 61.900, i morti hanno superato quota 15.600, i feriti furono oltre 31.250.

Usa morti armi da fuoco

Nonostante i numeri cresce la voglia di armi da fuoco

In tre anni gli incidenti con armi da fuoco sono dunque aumentati del 38%, i morti sono cresciuti del 25%, i feriti del 36%. E nessuno ha fatto nulla, al di là di esprimere sdegno, gonfiare il petto, piangere, promettere una risposta ancora più dura a chi userà le armi per uccidere e non per difendersi.

Nonostante numeri così mostruosi, non solo portare un’arma resta un “diritto inviolabile” a cui gli americani, almeno quelli che nella loro vita non si sono mai trovati coinvolti in uno scontro a fuoco, sembrano non voler rinunciare, bensì vi sono altri paesi in cui leader politici propongono di liberalizzare la vendita di armi ed ampliare la definizione di “legittima difesa”.

E quel che è peggio, vi sono elettori che trovano il tutto normale, in America come altrove, senza pensare che la prossima vittima di un'arma da fuoco potrebbe essere il proprio figlio o la propria figlia, come alcuni troll che sulla pagina di Fanwave su Facebook hanno provato a sostenere che i dati Fbi mostrassero un calo delle vittime in questi anni. Peccato che i dati Fbi siano concordi con quelli di Gun Violence Archive, controllate voi stessi qui.

Tags: Cronaca, Omicidi, Armi