Fanwave.it
Fanwave.it
Tarocchi, occultismo e divinazione

Tarocchi, occultismo e divinazione

Quando si parla di cartomanzia e divinazione del futuro, il riferimento ai Tarocchi è quasi obbligatorio.

Pochi però sanno che i Tarocchi nacquero come semplici carte da gioco e solo dalla fine del 1700 iniziarono ad essere associati alla cabala e ad altre tradizioni mistiche, per poi veder fiorire tutta una serie di teorie esoteriche e occultiste tra 1800 e 1900.

Occultismo e tarocchi

Se ancora oggi maghi e indovini di ogni sorta utilizzano i Tarocchi per la divinazione del futuro, lo si deve in particolare a due esoteristi: il francese Papus (ossia Gérard Encausse) e lo svizzero Oswald Wirth. Il primo, un medico che aveva studiato anche l’alchimia, fece parte anche della società segreta nota come Golden Dawn (ossia l’Ordine Ermetico dell’Alba Dorata), che si rifaceva alla tradizione della Cabala ebraica, e finì col creare Tarocchi illustrati con personaggi egizi che illustravano una struttura cabalistica.

Il secondo, amico personale di Papus, fu affiliato ad alcune tra le principali società segrete dell’epoca come la Società Teosofica, venendo inoltre iniziato alla Massoneria nel 1884, all’età di soli 24 anni. Come Papus anche Wirth si dedicò allo studio dei Tarocchi e sulla base dei cosiddetti Tarocchi di Marsiglia ne ridisegnò personalmente i 21 Arcani Maggiori (cui nei Tarocchi da gioco si somma un mazzo di carte tradizionali, gli Arcani Minori) e il Matto, ovvero i 22 Trionfi.

Tarocchi Wirth

Il mazzo di Tarocchi di Wirth

Il mazzo di Tarocchi disegnato da Wirth prevedeva personaggi in abiti medievali, sfingi egizie, numeri arabi e lettere ebraiche al posto dei numeri romani, simboli taoisti e la versione alchemica del Diavolo inventata dal francese Éliphas Lévi, probabilmente il più famoso occultista di tutto l’ottocento, a sua volta massone e che per primo aveva stabilito un rapporto preciso fra le 22 lettere dell’alfabeto ebraico e i 22 Trionfi.

Quelli di Papus e Wirth non furono i soli mazzi di Tarocchi ad avere fortuna in ambiente occultista: tra gli altri anche Aleister Crowley (celebre occultista dell’Ordo Templi Orientis) volle disegnare un proprio mazzo da gioco, cambiando i nomi, i disegni e l’ordine dei Trionfi (la Giustizia divenne così il Giudizio, Temperanza diventa l’Arte, il Giudizio diventa Eone e i Fanti e i Cavalieri vennero sostituiti da Principi e Principesse).

Tarocchi Crowley

Tarocchi: dal successo alla decadenza

Il successo dei Tarocchi degli occultisti ne decretò successivamente anche la decadenza attuale, data la successiva riproduzione di riproduzioni di riproduzioni, il tutto condito ad ogni passaggio da errori nei disegni, nei marchi e nei colori (ridotti ai soli quattro colori di base per esigenze tipografiche).

Insomma, che ci crediate o meno i Tarocchi attualmente utilizzati da maghi e indovini di ogni sorta sono ormai solo più parenti molto alla lontana dei Tarocchi degli occultisti di oltre 100 anni fa. La buona notizia è che il rinnovato interesse per l’utilizzo di queste carte sia come strumento di divinazione del futuro sia come carte da gioco ha portato nuovi artisti, come Salvador Dalì, Renato Gottuso o Dario Fo, a proporne proprie versioni originali tra cui anche un nuovo mazzo di Tarocchi Massonici realizzato da Michele Marzulli.

Tags: Società segrete, Occultismo