Fanwave.it
Fanwave.it
Ponte Morandi pochi giorni prima del crollo

Ponte Morandi, ultimo crollo di una lunga sequenza

Il crollo del viadotto Polcevera, anche noto come “ponte Morandi”, sull’autostrada A10 sopra i quartieri di Sampierdarena e Cornigliano a Genova, con il suo pesante tributo di morti e feriti ancora non definitivo, è stata una tragica fatalità o un disastro in qualche modo preannunciato e che si sarebbe dovuto e potuto evitare?

Piano: i ponti non crollano per fatalità

Impossibile dirlo per il momento, anche se Renzo Piano, il più famoso architetto italiano vivente, nato e cresciuto a Genova, ha ricordato che “i ponti non crollano per fatalità”. Di certo, comunque, la fatalità non può essere l’unica spiegazione per una scia di crolli che in Italia negli ultimi anni sta assumendo una frequenza impressionante.

ponte morandi crollo

5 crolli in 5 anni prima del ponte Morandi

Nell’ultimo quinquennio prima del ponte Morandi (che avevo per l'ennesima volta attraversato in auto pochi giorni prima del crollo, come milioni di altri automobilisti) sono crollati altri 5 viadotti: il 22 ottobre 2013 crolla il ponte di Carasco, nell’entroterra genovese, causando 2 morti; tre anni dopo, il 29 ottobre 2016, ad Annone Brianza (Lecco), crolla un cavalcavia sulla statale 36 facendo un morto e 4 feriti; il 9 marzo 2017 crolla il ponte 167 sull’autostrada A14, a Camerano, tra Loreto e Ancona Sud, causando 2 morti e 3 feriti, il 18 aprile dello stesso anno crolla un viadotto della tangenziale di Fossano, per fortuna sfiorando solo 2 carabinieri in servizio su strada la cui auto resta invece schiacciata sotto le macerie.

ponte Fossano crollo

La fatalità c’entra poco

Pochi giorni fa l’esplosione di un’autocisterna che trasportava materiale infiammabile fa crollare un tratto della tangenziale di Bologna sul raccordo A1-A14 all’altezza di Borgo Panigale, causando un morto e 145 feriti ed è forse uno dei pochi casi in cui si può parlare di “tragica fatalità”. Trascurando i casi di ponti crollati a seguito di alluvioni (come accadde al ponte Oloé sulla provinciale 46 fra Oliena e Dorgali, in Sardegna, il 18 novembre 2013, causando un morto), un caso a parte sembra poi essere la Sicilia.

borgo panigale esplosione

Il caso limite della Sicilia

Anche non volendo contare i quattro piloni del viadotto Himera sull’autostrada A19 crollati a seguito di una frana, già il 2 febbraio del 2013 crollò una porzione del viadotto Verdura sulla statale 115 tra Agrigento e Sciacca, il 7 luglio 2014 toccò a un ponte nei pressi di Licata (AG), collassato causando 4 feriti, mentre a fine 2015, appena una settimana dopo l’inaugurazione, crollò un viadotto sulla statale Palermo-Agrigento e l’inverno 2017 crollò una porzione di un ponte a Salemi.

ponte agrigento crollo

Occorre cambiare strada per evitare ulteriori tragedie

Cari amici di Fanwave.it: in tutti questi e molti altri casi non c’entrano alieni, magia nera o forze oscure, mentre anche i fenomeni climatici “estremi” sembrano evidenziare troppe volte una cattiva progettazione delle infrastrutture presenti sul territorio, o una loro insufficiente manutenzione. Quando non emerge, da indagini della magistratura, l’opera maledetta di organizzazioni criminali che ancora troppo spesso infestano il settore delle costruzioni e utilizzano materiali scadenti per cercare un più elevato profitto.

Il conto di tutto questo, alla fine, lo paghiamo tutti noi in termini di vite umane: non sarebbe ora di cambiare strada, prima che il tragico bilancio legato al crollo del ponte Morandi venga superato da quello di qualche ulteriore “fatalità”? Dopo tutto la Costituzione italiana tutela il diritto alla salute, anche quella dei suoi cittadini che in auto percorrono un viadotto autostradale.

Tags: Salute, Cronaca