Fanwave.it
Fanwave.it
Vibratore la storia del suo successo

Vibratore: quello che non vi hanno mai detto

Sapete qual è stato il nono elettrodomestico ad essere stato introdotto sul mercato, nella storia? Non l’aspirapolvere, che venne lanciata nove anni dopo, né il ferro da stiro che seguì l’anno successivo e neppure il tostapane, arrivato sul mercato 20 anni dopo di lui: il vibratore.

Vibratore, strumento di cura per donne isteriche

Era il sogno neppure troppo segreto delle donne dell’età vittoriana, che amavano anzitutto ricamare, certo, ma nella quarta di copertina delle riviste di cucito quasi sempre trovavano la pubblicità del nuovo “portento della tecnologia moderna”, un oggetto che consentì a molte delle nostre (bis)nonne di non dover andare più dal medico per farsi “rilassare” quando erano preda di “attacchi di isteria”.

Intendiamoci: per le donne vittoriane la stimolazione del clitoride non aveva lo stesso significato che avrebbe assunto con la rivoluzione sessuale dagli anni Sessanta del secolo scorso, anzi non era percepita neppure come un’attività strettamente legata al sesso. Secondo “The Sexual Impulse in Women”, il 75% delle donne dell’epoca (la ricerca è datata 1913) soffriva di “isteria”, un disturbo i cui sintomi potevano andare dal mal di testa a sbotti verbali, fino ad attacchi epilettici.

vibratore età vittoriana 1

La cura per l'isteria viene dall'antica Grecia

La cura per l’isteria femminile non era però un’invenzione vittoriana, bensì dell’antica Grecia e consisteva nel “massaggio pelvico”. Visto che nell’età vittoriana si pensava che le donne non potessero provare alcuno stimolo (tanto meno un piacere) di tipo sessuale, anche l’orgasmo era sconosciuto. Lo si chiamava “parossismo isterico”.

In realtà l’idea che la donna potesse provare piacere sessualmente solo a seguito di una penetrazione vaginale (cosa che la scienza moderna ha messo radicalmente in discussione, scoprendo che solo una donna su tre riesce realmente a raggiungere un orgasmo vaginale) era così radicata che i medici dell’epoca pensavano che quando una donna provava un orgasmo per stimolazione clitoridea (come nel 70% dei casi secondo le statistiche moderne) doveva essere per forza un sintomo di “isteria”.

vibratore età vittoriana 2

Il vibratore sostituì docce e massaggi pelvici

L’unica cura possibile era stimolare il clitoride finché la paziente non chiedeva di smettere e ovviamente il trattamento andava ripetuto nel tempo, quindi le donne “isteriche” divennero vere miniere d’oro. Almeno fino all’avvento del vibratore, che non venne adottato subito dai medici come si potrebbe credere. Anzi, all’epoca della sua comparsa i medici erano soliti ricorrere, per non farsi venire crampi alle mani, a “docce pelviche”.

Gradualmente tuttavia i vibratori presero il sopravvento: nel 1869 il medico americano, George Taylor, brevettò il “Manipulator”, ossia il primo vibratore a vapore. Mortimer Granville, intorno al 1880, inventò invece il primo vibratore a batteria. Certo, le batterie erano ancora grandi e ingombranti, ma erano portatili e col rimpicciolirsi delle dimensioni delle stesse i vibratori si diffusero in molte case dell’alta borghesia inglese e americana.

Solo dopo gli anni Venti del novecento, quando i vibratori iniziarono a essere utilizzati dalla nascente industria dei film a luci rosse, divenne impossibile fingere ancora di non averne capito la formidabile valenza sessuale. A quel punto le pubblicità dei vibratori scomparvero dalle riviste per signore “per bene” e si dovette attendere fino agli anni settanta-ottanta del secolo scorso perché il loro uso tornasse ad essere accettato, entusiasticamente, dalle donne occidentali (come ha poi rappresentato una serie di grande successo come “Sex and the City”).

Tags: Donne, storia