Fanwave.it
Fanwave.it

Terza Guerra Mondiale: il rischio è reale

Terza Guerra Mondiale, esplosione nucleare

Una volta Albert Einstein, che nel 1945 si era opposto inutilmente allo sgancio di bombe atomiche sul Giappone, disse: "Non so con quali armi verrà combattuta la Terza Guerra Mondiale ma la Quarta verrà combattuta con clave e pietre". Se la paura di una guerra atomica e di un livido "Day After" ha pesato almeno sugli ultimi sessant'anni di storia, da qualche tempo non è solo più l'incubo atomico a preoccupare chi teme che una Terza Guerra Mondiale possa scoppiare, se non è addirittura già scoppiata sia pure in forma più subdola e meno esplicita delle prime due, come dichiarato lo scorso novembre da Papa Francesco, secondo cui "dietro questo ci sono inimicizie, problemi politici, problemi economici".


Non so con quali armi verrà combattuta la Terza Guerra Mondiale ma la Quarta verrà combattuta con clave e pietre.

Albert Einstein


Gli scienziati dell'Università di Chicago fin dal 1947 tengono sotto controllo i potenziali rischi di conflitto o di altri eventi che possano infliggere danni potenzialmente irreparabili al genere umano e per questo hanno elaborato l'Orologio dell'Apocalisse (o "Doomsday Clock") che misura metaforicamente quanti "minuti" mancano alla fatidica "ora X". Nel 1947 all'atto della sua "accensione" le lancette dell'orologio vennero poste a 7 minuti dalla Mezzanotte (identificata come l'ora in cui sarebbe scattata la Terza Guerra Mondiale), da allora ad oggi le lancette sono state spostate 21 volte, con una distanza minima dalla Mezzanotte raggiunta in piena Guerra Fredda, dal 1953 al 1960, per poi allontanarsi fino a 17 minuti dal 1991 al 1995, in pieno "disgelo post sovietico".

Orologio dell'Apocalisse

Da allora le lancette si sono nuovamente avvicinate alla Mezzanotte (l'ultimo movimento è stato deciso il 22 gennaio scorso, spostando le lancette due minuti avanti) ed attualmente si trovano a soli 3minuti, da un lato a causa della diminuita sicurezza nucleare anche a causa della nuova prolificazione degli armamenti atomici, dall'altra per l'aggravarsi dei mutamenti climatici e il sostanziale fallimento degli sforzi politici per proteggere la popolazione mondiale da eventi catastrofici.

Terza Guerra Mondiale, missili nucleari

Tra i rischi che potrebbero portare a una Terza Guerra Mondiale o ad un evento altrettanto catastrofico, gli scienziati segnalano tassi di emissione di gas responsabili dell'effetto serra del 50% più elevati di quanto non fossero nel 1990, complici investimenti in infrastrutture per lo sfruttamento di combustibili fossili ad un ritmo di oltre 1.000 miliardi dollari l'anno, e gli scarsi progressi compiuti da Stati Uniti e Russia per ridurre i loro arsenali nucleari, proprio mentre altri paesi che non hanno firmato il trattato sulla non proliferazione delle armi nucleari come India, Pakistan e Israele stanno espandendo e modernizzando i propri arsenali nucleari.

Terza Guerra Mondiale, inverno nucleare

Insomma: anche senza pensare a eventi catastrofici come l'impatto con un asteroide o lo scoppio di una pandemia su scala planetaria o altre cause meno probabili di estinzione della vita sulla Terra, non c'è davvero troppo di che scherzare: il rischio di una Terza Guerra Mondiale o comunque di una catastrofe di analogo impatto resta purtroppo concreto. E la Quarta Guerra Mondiale rischia di rispettare le previsioni di Albert Einstein.

Tags: Terrorismo, Top secret, Apocalittici, Guerra, Terza Guerra Mondiale