Fanwave.it
Fanwave.it
forchetta a tavola

Forchetta, oggetto demoniaco per secoli inviso alla chiesa

San Pier Damiani la definì un “demoniaco oggetto” perché nell’immaginario cristiano era uno strumento dal diavolo: non ci si deve stupire, dunque, se per tutto il Medioevo gran parte dell’Europa era solita portare il cibo alla bocca direttamente con le mani e non con la forchetta.

Quello che pochi sanno è che la forchetta in realtà era giù utilizzata nell’antica Grecia e a Roma diversi secoli prima della nascita di Cristo.

La forchetta comparve prima di Cristo

Addirittura, in Cina sono stati scoperti alcuni esemplari di forchette databili tra il 2.400 e il 1.900 avanti Cristo. Nell’area del Mediterraneo la forchetta era sovente realizzata con una impugnatura in osso o di legno e due rebbi (gli spuntoni della forchetta) in bronzo o in argento che consentivano di infilzare il cibo e portarlo alla bocca senza doversi sporcare le mani. Ma perché la forchetta cadde in disuso dopo la caduta di Roma e la divisione dell’impero tra oriente e occidente?

forchetta antica

Con la caduta di Roma l’uso si perse

Perché mentre nell’area sotto l’influenza di Costantinopoli l’utilizzo della forchetta, così come di cucchiai e altre posate, venne mantenuto, in occidente e in Italia in particolare le invasioni barbariche finirono col farne perdere l’uso, peraltro con alcune eccezioni. Ad esempio il re dei Longobardi, Rotari, in una miniatura del Codice delle Leggi Longobarde del monastero della Cava è rappresentato intento a pulire il pesce con coltello e un utensile simile a una forchetta.

La forchetta ricompare a tavola dopo il mille

L’uso dello “strumento demoniaco” era peraltro limitato alla cucina e non alla tavola. Per veder ricomparire la forchetta in tavola in Italia si deve attendere l’anno 1.003 quando durante il pranzo di nozze tra la principessa bizantina Maria Argyropoulaina e il figlio del Doge di Venezia Giovanni Orseolo. La principessa fece disporre una forchetta accanto al piatto di ogni commensale e la cosa fece scandalo, essendo considerato un’offesa alle tradizioni cristiane.

forchette a tavola

Per la Chiesa era uno strumento demoniaco

Quando alcuni decenni dopo Teodora Anna Doukaina, dogaressa di Venezia e sorella dell’imperatore di Bisanzio Michele VII Ducas, introdusse a tavola piccole forchette d’oro, San Pier Damiani scagliò invettive contro la donna, accusata di utilizzare un “demoniaco oggetto”. Non soddisfatto, dopo la prematura scomparsa, per una malattia, della dogaressa, lo stesso San Pier Damiani definì tale morte una “punizione divina” per il peccato di aver usato le forchette.

Il Re Sole ammise l’uso della forchetta a corte

Preoccupata di mettere in cattiva luce ogni uso riconducibile alla chiesa e alla cultura bizantina dopo lo scisma tra chiesa cattolica e chiesa ortodossa del 1054, la chiesa italiana continuò a condannare l’uso della forchetta, che però gradualmente tornò a diffondersi tra le classi agiate come a Firenze e in Francia. Per recuperare il suo posto nelle tavole nobili in modo stabile la forchetta dovrà però aspettare il 1648, quando il Re Sole la accettò e ne promosse l’uso alla nuova corte di Versailles.

forchetta e spaghetti

Gennaro Spadaccini ne elaborò le forme attuali

Nei decenni successivi gradualmente la forchetta si diffuse grazie all’ingegno di Gennaro Spadaccini, ciambellano alla corte di Ferdinando IV di Borbone, a Napoli, che portò il numero dei rebbi da tre a quattro, accorciandone la lunghezza e rendendo il “demoniaco strumento” adatto tanto ad infilzare la carne quanto ad arrotolare gli spaghetti. La forchetta restò però bandita dai conventi cattolici ancora per molti anni: solo la rivoluzione americana prima e quella industriale poi consentirono alla forchetta di riapparire in modo massiccio sulle tavole del vecchio e del nuovo mondo, in barba agli anatemi ecclesiastici.

Tags: storia