Fanwave.it
Fanwave.it
Graal, valchirie e Otto Rahn

Dal Graal alle valchirie, le misteriose ricerche di Otto Rahn

Il santo Graal è realmente esistito e, se sì, dove è stato custodito? Per molti secoli si è creduto che il Graal, il calice dell’ultima cena, in cui secondo la Bibbia Giuseppe d’Arimatea raccolse il sangue del Cristo crocifisso, potesse essere stato uno degli oggetti mistici custoditi dai Templari e che le sue tracce fossero andate perse con l’apparente distruzione dell’ordine nel 1307. Ma la storia potrebbe essere molto diversa.

Per Otto Rahn il Graal stava a Montsegur

Per lo storico (e, dal 1936, ufficiale delle SS) Otto Rahn, il Graal sarebbe stato tra i tesori custoditi dai Catari presso la loro ultima roccaforte, il castello di Montsegur, nel sud della Francia. Secondo una leggenda Rahn, trovato morto congelato il 13 marzo 1939 in circostanze mai chiarite in Tirolo, sarebbe riuscito realmente a trovare il Graal, che avrebbe poi occultato presso Wewelsburg, il castello delle SS a Paderborn, in Renania Settentrionale-Vestfalia, da cui sarebbe scomparso prima della fine della Seconda Guerra Mondiale. Graal Valchirie Rahn Montsegur

Quel viaggio in Islanda

Meno nota è la spedizione in Islanda e Groenlandia intrapresa da Rahn nel 1936 per ordine delle SS ed i cui risultati sono ancora coperti dal più fitto segreto. La spedizione partì il 2 giugno in direzione dell'Islanda sotto il comando di Rahn, affiancato da Marcus Birnbacher, uomo di fiducia di Heinrich Himmler, criminale di guerra a capo delle SS, appassionato di occultismo, morto suicida il 23 maggio 1945 poco dopo essere stato catturato dalle truppe inglesi. I due collaborarono senza problemi, con Rahn che in Islanda visitò musei, parlò con i vecchi, raccolse storie e leggende, mentre Birnbacher si occupò degli aspetti logistici.

Rotta verso la Groenlandia

Improvvisamente Rahn decise di dirigersi in Groenlandia, la “terra verde” colonizzata dal condottiero e navigatore normanno Erik il Rosso prima dell’anno Mille. Rahn si entusiasmò, trovò e studiò iscrizioni rupestri, rune misteriose, sino a che trovò nella roccia quella che ritenne essere il fossile di un uomo alato! In realtà il fossile appariva simile a quello del famoso Archaeopteryx, ma Rahn era assolutamente certo: ciò che aveva trovato non era un uccello, ma un essere umano! Cranio, struttura degli arti, colonna vertebrale, costole: tutto sembrava testimoniare come l’antica Groenlandia fosse stata abitata da uomini alati.Graal Valchirie Rahn rune

Fossili misteriosi, ma niente castello degli dei

Rahn cercava anche un misterioso castello nel ghiaccio, “il castello degli dei” descritto da un monaco russo medievale, Policarpo, archimandrita del monastero di Pechersk. Il castello avrebbe dovuto avere un’enorme scalinata di roccia, ma Rahn non lo trovò. Alla fine dovette tornare indietro, sicuro di poter tornare l’anno successivo per effettuare nuove ricerche, ora che aveva le prove dell’esistenza di antichi uomini alati che gli sembrano la conferma dei miti delle Valchirie, guerriere dotate di cavalli alati cui Odino aveva affidato il compito di scegliere chi dei caduti in battaglia dovesse essere trasportato nel Valhalla e chi nel campo Folkvangr.

Non era una valchiria

L’accoglienza al ritorno dalla spedizione fu trionfante, ma poi sull’esame del fossile di “uomo alato” calò il silenzio, finché qualcosa non iniziò a trapelare. Anzitutto le dimensioni del fossile erano troppo modeste perché fopsse un uomo, essendo di poco superiori a quelle di un corvo, troppo piccole anche per sostenere che fosse un bambino alato, anche perché l’esame delle ossa dimostra che l’essere alato aveva almeno 10 anni prima di morire e finire fossilizzato. Quel che è peggio, lo studio del calco del cranio dimostrò che “l’uomo alato” era più vicino alla razza negroide che a quella ariana! Graal Valchirie Rahn

Caduto in disgrazia

Un risultato che la scienza ideologizzata tedesca dell’epoca non poteva riconoscere in alcun modo. Per questo sulla spedizione di Rahn scese un imbarazzato silenzio e a nulla servirono gli sforzi di Rahn per cercare di farsi autorizzare una seconda spedizione, o di far riconoscere alla comunità scientifica mondiale i risultati dei suoi studi. Il sogno dello storico che aveva inseguito il Graal e le testimonianze di antichi miti norreni era finito: per danneggiarne la reputazione le SS nel 1937 lo accusarono di omosessualità e lo trasferirono al servizio di guardia del campo di concentramento di Dachau. Rahn non resistette agli orrori che vide e si dimise l’anno seguente. Morì alcuni mesi dopo, portando con sé i segreti, veri o presunti, delle sue ricerche sul Graal e sulle Valchirie in Groenlandia.

Tags: Misteri irrisolti, Miti, Archeologia, storia