Fanwave.it
Fanwave.it
Lago morto Penza e Ufo

Ufo e guerra fredda nella storia del lago morto di Penza

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)

Il “lago morto” di Penza è uno dei posti più inquietanti della Russia: perfettamente circolare, pare sia stato usato durante la guerra fredda per distruggere armi chimiche scadute, utilizzando esplosioni subacquee ad una profondità di 4 - 6 metri. Ma sulle origini del lago circolano altre voci che tirano in ballo un Ufo.

Un lago morto a causa di armi chimiche

C'è una località inquietante in Russia e non si tratta del triangolo di Molebka, ma del lago morto di Penza, in prossimità del quale si trovano i resti dell’impianto di disattivazione di armi tossiche di Leonidovka, ormai disattivato, è un lago chiuso e senza drenaggio, quindi l’ambiente circostante non corre pericoli, anche perché le sponde del lago sono rafforzate con argini protettivi e sacche di sabbia. Ma gli abitanti di Penza raccontano una storia ben più inquietante: la forma perfettamente tonda del lago sarebbe dovuta all’atterraggio e successivo decollo di un Ufo alieno. chemical weapons

Una notte il cielo si incendiò

Testimoni intervistati dal giornale locale, il Penza Post, hanno riferito che negli anni ‘50 una notte si sentì un rumore terribile e un bagliore accecante si espanse per tutto l’orizzonte. Si pensò all'esplosione del vicino impianto chimico militare, invece si vide discendere dal cielo sopra la foresta una enorme nave spaziale, con getti incandescenti che fuoriuscivano dalla parte inferiore. La foresta prese fuoco e la terra sottostante si trasformò in una strana massa di polvere, o cenere.

Un enorme Ufo atterrò e ripartì

L’enorme disco volante toccò terra senza problemi, mentre il tempo sembrava fermarsi. Non si vide uscire nessuno dal misterioso veivolo finché l’astronave, perfettamente liscia, non tornò a emettere quelli che sembravano getti di plasma dagli scarichi inferiori, riprendendo quota rapidamente per poi scomparire nel cielo nero.

I sovietici hanno interdetto l’area

Per molti anni gli abitanti di Penza sono andati a vedere la profonda buca che si era formata dove era atterrato il disco volante, di forma perfettamente circolare e con bordi assolutamente lisci, che col tempo iniziò a riempirsi d’acqua. Poi le autorità sovietiche iniziarono a mandare via le persone, raccomandando a tutti di non visitare più il posto e di non parlarne, mentre sono iniziate a circolare voci che l’area presentasse alti livelli di radioattività, forse in conseguenza di un motore nucleare adoperato dall’Ufo. Dead Lake Penza

Il lago morto è quasi irraggiungibile

Le storie attorno al lago morto di Penza sono alimentate dal fatto che è quasi impossibile arrivare vicino al lago: tutte le strade e i sentieri forestali sono coperti da alberi e cespugli, mentre le sponde della strada Penza-Zolotarevka sono bloccate da barriere militari. L’origine del lago è certamente artificiale, anche se ufficialmente non è dovuta ad un Ufo ma all’estrazione di torba nella prima metà del XX secolo.

Chi si è avvicinato ha provato paura

La visione aerea del lago fornita da Google Earth mostra acque di colore nero, senza alcuna traccia di vita. I pochi che in questi anni sono riusciti ad avventurarsi per la foresta che circonda il lago morto hanno riferito di aver sperimentato una paura “inspiegabile e animale”, percependo la vicinanza ad un misterioso ed inquietante oggetto artificiale. Chissà se e quando si riuscirà ad ottenere qualche informazione ufficiale in più sulla storia di questo tenebroso lago morto.

Tags: Ufo, Alieni, Misteri irrisolti, segreti