Fanwave.it
Fanwave.it
Uso sotto l'Atlantico

Gli Uso e il programma Fast Mover

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)

Periodicamente sul web si torna a parlare di Uso (unidentified submerged object, ossia oggetto sommerso non identificato), veicoli sottomarini in grado di raggiungere velocità impossibili per qualunque macchina di origine umana, ovvero del presunto progetto segreto della marina militare americana denominato “Fast Mover”.

Marc D’Antonio a Devils Tower

Del progetto ha parlato alla conferenza di Devils Tower (la località dove venne girata la scena dello sbarco dell’astronave extraterrestre di Incontri Ravvicinati del Terso Tipo) di metà settembre scorso Marc D’Antonio, astronomo e capo analista video per il Mufon (Mutual Ufo Network), ma anche consulente cinematografico e Ceo di Fx Models (società che realizza modelli ed effetti speciali per il cinema).

Un “fast mover” sotto l’Atlantico

D’Antonio ha svolto un intervento piuttosto articolato, ma un episodio in particolare ha poi acceso la curiosità del sito britannico The Sun, quello in cui durante un viaggio sotto l’Atlantico a bordo di un sottomarino americano, anni fa, D’Antonio avrebbe sentito gli operatori sonar gridare “Fast mover! Fast mover!” (ossia oggetto in rapido movimento, ndr), non si sarebbe trattato di un falso segnale, in quanto confermato anche da un secondo sonar, e la velocità dell’Uso sarebbe stata di “diverse centinaia di nodi”.

Uso sotto Atlantico

Programma militare top secret

D’Antonio avrebbe precisato di aver tenuto per sé l’episodio prima di riferirlo a un funzionario anziano della Us Navy chiedendogli cosa fosse il programma “Fast Mover” solo per sentirsi rispondere “mi spiace Marc, ma non posso parlare del programma”, cosa che D’Antonio ha interpretato come una conferma indiretta dell’esistenza di un programma per il rilevamento di oggetti subacquei di possibile origine aliena.

Dove sono le prove?

Non è chiaro come da una esclamazione D’Antonio possa aver dedotto che esista un programma con lo stesso nome (e perché dovrebbe essere un programma per rilevare mezzi alieni e non piuttosto “comuni” sottomarini militari terrestri), né ci sono ovviamente altre conferme che l’episodio sia realmente accaduto, ma dietro a The Sun si sono mossi altri siti, dall’australiano Mysteriousuniverse.org alla versione italiana di Blastingnews.com, passando per decine di altri siti in tutto il mondo.

Uso sotto Atlantico sonar

Il precedente di Shag Harbour

Di certo, come già spiegammo in relazione all’incidente di Shag Harbour da decenni si sono moltiplicate osservazioni, vere o presunte, di oggetti non identificati che anziché muoversi in aria si inabissano per muoversi rapidamente sotto la superficie degli oceani e qualcuno ha ipotizzato che potrebbe essere la conferma dell’esistenza di basi aliene sottomarine. Finora non sono state diffuse né foto né filmati degli Uso e dei loro equipaggi, per cui non resta che attendere e vedere se il tempo chiarirà se si è trattato di bufale o se realmente gli ambienti militari negli Usa e nel resto del mondo hanno preferito tenere celata una scomoda verità all’opinione pubblica.

Tags: Ufo, Misteri irrisolti