Fanwave.it
Fanwave.it
Mostro spiaggiato dopo Harvey

Harvey fa spiaggiare un mostro marino in Texas

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)

Impegnati come siamo a scrutare il cielo per cogliere qualche segnale di vita aliena, ci dimentichiamo troppo spesso di vivere su un pianeta in gran parte ricoperto di acqua, sotto la cui superficie vivono creature a noi totalmente “aliene” e di cui sappiamo poco o nulla. A meno che, come accaduto nelle ultime settimane, qualche cataclisma non le porti alla nostra attenzione.

Che cosa diavolo è?

Così dopo il passaggio dell’uragano Harvey in Texas, Preeti Desai, la social media manager della National Audubon Society, ha scoperto (sulla spiaggia di Texas City, a poca distanza da Galveston), fotografato e diffuso su Twitter le immagini di un misterioso animale (ne vedete alcune nell’articolo) chiedendo: “Ok biologi di Twitter, che cosa diavolo è?”

Preeti, che si definisce una appassionata di fotografia, lettura, natura e scienze, è stata in precedenza social media manager di Greenpeace Usa e Mongabay (un sito no profit che si occupa di informazione relativa a scienza e conservazione ambientale) è quella che si definisce una fonte attendibile, per cui la possibilità che si tratti solo di una bufala sono molto basse.

mostro post harvey

I biologi marini offrono una risposta

Ma allora cosa diavolo è la creatura che Preeti ha fotografato? Come ha spiegato la stessa social media manager, alcuni hanno suggerito di contattare Kenneth Tighe, biologo dello Smithsonian National Museum of Natural History. Tighe, dal canto suo, ha spiegato al sito Earth Touch News che potrebbe trattarsi di un esemplare di anguilla serpente o “ Aplatophis chauliodus”, anche noto col nome di “anguilla con le zanne”, che solitamente vive tra i 30 e i 100 metri in acque che vanno dal Golfo del Messico alla Guiana Francese.

In alternativa sempre secondo Tighe potrebbe trattarsi di un “Bathyuroconger vicinus” o di uno “Xenomystax congroides”. Tutte e tre le specie vivono al largo delle coste del Texas ed hanno lunghi denti, differenziandosi solo per la forma della coda (che però nell’esemplare fotografato da Preeti non è chiaramente identificabile). Insomma: nonostante l’entusiasmo di alcuni, non si tratta di alcun “mostro alieno”, ma della carcassa di un animale lasciata da Harvey sulla spiaggia di Texas City a testimonianza dell’impatto devastante avuto sulla flora e sulla fauna dal passaggio dell’uragano.

mostro post harvey bis

Il mostro non è quello nella foto

“Ragazzi, questa cosa non era spaventosa, non era colossale e non era un mostro. Era solo una povera creatura marina che cercava di vivere la sua vita” prima che Harvey la distruggesse, ha commentato alla fine Preeti. Un commento che in molti media, per massimizzare il numero di letture e la condivisione dei loro articoli, hanno omesso. A riprova che il vecchio trucco di “sbattere il mostro in prima pagina” funziona ancora, anche se la prima pagina è un social media.

Tags: Alieni, Misteri risolti