Fanwave.it
Fanwave.it
Pietre del primo incontro

Messico: ritrovate in alcune grotte le pietre del primo incontro

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)

Nuova inquietante scoperta fatta all’interno di un complesso di grotte in Messico, vicino ai confini tra gli stati di Veracruz e Puebla: su alcune lastre di giada sono state rinvenute incisioni che sembrano raffigurare ufo e alieni. Piccolo particolare: le lastre risalirebbero all’epoca maya e potrebbero dunque essere la conferma (se gli studi che dovranno ora essere condotti daranno esito positivo) di un antico contatto tra la razza umana e antichi astronauti umanoidi provenienti dallo spazio. La scoperta risalirebbe al marzo 2017 ma solo pochi giorni fa il giornalista Javier Lopez Diaz (Cinco Radio) ha diffuso le prime immagini, che vedete nell'articolo.

java stone first meeting cinco radio

Numerose lastre di giada incise

Le lastre sono numerose e presentano vari disegni intagliati: in particolare su una di queste, che a quanto pare è stata rotta a causa di precedenti incursioni nelle grotte da parte di “cacciatori di tesori”, sembra essere raffigurata la parte superiore di un Ufo, oltre ad un alieno e un capo tribale maya che sembrerebbe avere in mano una spiga di grano, oltre ad ulteriori altri simboli ancora da decifrare.

Le pietre del primo incontro

L’autenticità di queste incisioni sembra confermata dal fatto che l’esplorazione delle grotte ha portato alla scoperta anche di altri pittogrammi incisi sulle pareti delle caverne e che la popolazione locale abbia dato un nome a queste misteriose testimonianze di giada: “le pietre del primo incontro”. Non si tratterebbe peraltro delle prime incisioni rupestri che sembrano parlarci di un paleo contatto.

java stones first meeting cinco radio

Altre storiche testimonianze

Come Fanwave vi ha già raccontato, anche a Baalbek, in Libano, piuttosto che a Sego Canyon, nello Utah, e persino in Valcamonica sono state effettuate negli anni scoperte incredibili che secondo molti studiosi, aperti anche a valutare ipotesi meno “ortodosse” di quelle comunemente accettate, potrebbero essere indizi di antichi contatti tra la razza umana e visitatori dallo spazio.

Non ci resta dunque che aspettare l’esito degli ulteriori studi che gli scienziati messicani dovranno ora svolgere per capire se si tratta solo di un plateale falso, come sostengono alcuni, della testimonianza di rituali o raffigurazioni mitologiche della cultura maya, o se davvero siamo di fronte all’ennesimo “x-file” di cui sembra essere ricca la storia umana.

Tags: Ufo, Alieni, Incontri ravvicinati, storia