Fanwave.it
Fanwave.it
Hatshepsut

Hatshepsut, la donna faraone sopravvissuta all’oblio

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (2 Votes)

Poche donne nel corso della storia hanno avuto il potere che hanno potuto esercitare le donne faraone dell’antico Egitto. La prima donna faraone potrebbe essere stata attorno al 3.100 avanti Cristo Merneith, già moglie di Djet, quarto faraone della prima dinastia, nonché madre di Den, quinto faraone uomo della medesima dinastia. Iscrizioni scoperte nel gennaio 2016 hanno confermato che Merneith (la cui tomba venne scoperta nel 1900 ad Abydos) fu sicuramente regina reggente, mentre non è certo che sia stata nominata anche faraone.

Il precedente di Nefrusobek

La prima donna ad avere avuto con certezza questo titolo fu Nefrusobek (talvolta nominata come Sobekneferu), figlia del faraone Amenemhat III, che circa 1.800 anni prima di Cristo dopo la morte del fratello Amenemhat IV fu l’ultimo faraone della XII dinastia, regnando per poco meno di quattro anni. Dopo Nefrusobek, la cui sepoltura non è stata finora ritrovata, bisognò attendere fino al 1513-1507 avanti Cristo per rivedere una donna sul trono dell’alto e del basso Egitto.

Hatshepsut, la donna che divenne faraone

Fu infatti Hatshepsut quinta sovrana della XVIII dinastia, unica figlia di Thutmose I e della grande sposa reale Ahmose, dopo essere stata la grande sposa di Thutmose II, alla morte di costui ed essendo il futuro Thutmose III (figlio di una sposa secondaria di nome Iside e suo nipote) un bambino di soli 3 anni, ad ascendere al trono su cui rimase per 22 anni. Sepolta inizialmente assieme al padre nella Valle dei Re (tomba KV20), venne successivamente spostata durante il regno di Thutmose III.

Hatshepsut cappella rossa

Damnatio memoriae

Se le donne faraone che l’avevano preceduta erano state delle eccezioni, Hatshepsut dovette essere considerata in un qualche punto della storia, tra la fine del regno di Thutmose III e l’inizio di quello di Amenofi II una figura scomoda da far scomparire. Statue distrutte, cartigli riscolpiti, mummia traslata: cosa abbia mai fatto Hatshepsut per meritarsi un simile trattamento non è chiaro ancora oggi, ma se non altro abbiamo ritrovato la sua mummia. Nel 1903 Howard Carter (futuro scopritore della tomba di Tutankhamen) rinvenne la tomba KV60 coi resti della balia di Hatshepsut, Sitra, e di una donna sconosciuta.

La mummia ritrovata

Nel 2007 Zahi Hawass ha fatto trasportare tale mummia al Museo egizio del Cairo e bingo! La mummia non poteva che essere quella di Hatshepsut, combaciando persino il dente assente col molare trovato in uno scrigno canopico in avorio con inciso il nome di Hatshepsut rinvenuto nel celebre nascondiglio di mummie reali di Deir el-Bahari (dove furono ritrovate oltre 50 mummie). Così colei che era stata condannata dai suoi successori all’oblio, divenuta nei secoli dapprima una leggenda poi uno dei più grandi misteri archeologici, infine oggetto di una vera e propria caccia al tesoro durata secoli, è stata ritrovata.

hatshepsut tempio

Hatshepsut non fu l’unica donna faraone

Hatshepsut, la donna faraone, unica tra tante ad essere ricordata per l’eternità, è riuscita a sconfiggere persino la damnatio memoriae, facendo anche riconsiderare il ruolo e il potere di altre possibili regine-faraone come Nimaathap (III dinastia, sicuramente reggente per il figlio Djoser), Ahhotep I (XVII dinastia, sicuramente reggente tra i regni dei due figli Kamose e Ahmose), Ahmose Nefertari (XVIII dinastia, certamente reggente di Amenofi I). Donne che, diversamente che nell’antica Grecia o a Roma, esercitarono funzioni di grande prestigio e godettero di un grande potere, finché uomini gelosi del loro successo non decisero che era il caso di relegarle nell’ombra, per non correre rischi: un piano ben congegnato, ma che non ha retto al confronto con Hetshepsut la grande.

Tags: Misteri risolti, storia