Fanwave.it
Fanwave.it
avvistamenti Ufo cover

Avvistamenti Ufo dall’antica Roma ad oggi

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.00 (3 Votes)

Il 24 giugno 1947, l’uomo d’affari e pilota americano Kenneth Arnold, mentre col suo aereo sorvolava la regione del Monte Rainer (nei pressi di Washington), venne attratto da una serie di improvvisi bagliori, solo per scoprire che sembrava trattarsi di riflessi della luce solare sulla superficie di nove oggetti volanti non identificati (ossia tecnicamente degli Ufo) che volavano in formazione, in modo “irregolare” ad una velocità molto elevata.

Ufo Kenneth Arnold
70 anni fa primo avvistamento Ufo negli Usa

Per la storia moderna si tratta del primo avvistamento di Ufo mai reso noto negli Usa e di certo da allora in questi 70 anni il numero di avvistamenti e di curiosi di ufologia è cresciuto in tutto il mondo anche grazie al tam tam della stampa prima e di internet poi. Ma di potenziali avvistamenti di oggetti volanti che i cronisti dell’epoca non sono stati in grado di identificare sono pieni i libri di storia.

I prodigi di Giulio Ossequente

Per quanto riguarda in particolare l’antica Roma, nel suo “De Prodigiis” lo storico romano Giulio Ossequente (vissuto nel IV secolo dopo Cristo) racconta una serie di fatti straordinari, prodigi, avvenuti nei secoli precedenti nei territori dell’impero romano, rifacendosi a storie già narrate da Tito Livio. In particolare tre eventi tra il 216 e il 90 avanti Cristo hanno richiamato l’attenzione dei seguaci della teoria del paleo contatto.

Ufo antica Roma

Tre antichi avvistamenti Ufo

Nel 216 a.C., oggetti “simili a navi” furono visti “nel cielo sopra l’Italia”, in particolare ad Arpi (Puglia), dove uno “scudo rotondo” venne visto in cielo, e nei pressi di Capua (Campania) dove si videro “figure come navi”. Poco più di un secolo dopo, nel 99 a.C., a Tarquinia (Lazio) caddero “in luoghi diversi, cose come delle torce fiammeggianti, venute improvvisamente dal cielo”. Non solo: “verso il tramonto, un oggetto rotondo come un globo o uno scudo circolare, seguì il suo percorso nel cielo, da ovest a est”.

Fenomeni naturali o antico contatto?

Infine nel 90 a.C. presso Spoleto (Umbria) un “globo di fuoco di colore dorato cadde a terra roteando”, ma subito dopo nuovamente “salì dalla Terra e ascese al cielo” per poi dirigersi verso Est, quasi oscurando il sole con la propria luminosità. Oggetti brillanti, che si muovono irregolarmente e velocemente in cielo, a volte simili ad una flotta di navi volanti. Descrizioni di fenomeni naturali che gli storici romani non potevano ancora conoscere o l’antica cronaca di un avvistamento di Ufo simile al caso di Kenneth Arnold?

Tags: Ufo, Antichi alieni, Avvistamenti