Fanwave.it
Fanwave.it
Aristarchus crater

Aristarchus e i misteri lunari

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)

Aristarchus è uno dei maggiori crateri lunari da impatto; situato a nord-ovest della faccia visibile della Luna, è considerato la più chiara tra le grandi formazioni del suolo lunare, avendo un albedo (la frazione di luce che viene riflessa dalla superficie) più che doppio della maggior parte delle altre formazioni.

Essendo chiaramente visibile anche a occhio nudo, il cratere è da secoli uno dei più osservati, tanto che il nome gli fu dato dal cartografo italiano Giovanni Riccioli già nel 1651, anche se venne adottato ufficialmente solo nel 1935.

La piramide scoperta dal LRO

Sorprende dunque che solo nel 2011, grazie ad una foto scattata dalla sonda LRO (Lunar Reconnaissance Orbiter) si sarebbe notato, come rilanciato sul web da decine di blog di appassionati di ufologia di tutto il mondo, che al centro del cratere e sulle sue ripide pareti sembrano ergersi alcune misteriose piramidi.

La foto in questione, scattata il 10 novembre 2011 mentre LRO passava da Nord a Sud a circa 70 chilometri a Est di Aristarchus, ad un’altezza di 26 chilometri dalla superficie (poco più del doppio dell’altezza a cui volano di solito gli aerei di linea sulla Terra), sembrerebbe mostrare oltre alle piramidi centrali i resti di altre strutture misteriose ad esse collegate, che potrebbero essere tracce di un’antica istallazione mineraria.

Aristrchus pyramid

Luci all’interno di Aristarchus

Gli scettici ribattono sostenendo che non si tratti in alcun modo di strutture artificiali, ma di semplici formazioni rocciose dovute all’impatto di un meteorite sulla superficie lunare, lo stesso che creò il cratere. Resta il fatto che Neil Amstrong e Buzz Aldrin, i primi due uomini a scendere sulla Luna con l’Apollo 11, segnalarono l’avvistamento di alcune luci all’interno del cratere Aristarchus il giorno prima del proprio allunaggio, le stesse luci che erano state segnalate nel 1958 dall’astronomo russo Nikolai Kozyrev.

In ogni caso Aristarchus se anche non dovesse essere mai stato una miniera lunare “aliena”, potrebbe in futuro diventare una miniera lunare umana: nel 2005 il telescopio spaziale Hubble nell’ambito di un progetto volto alla ricerca sul suolo lunare di ilmenite (un minerale di ferro e ossido di titanio ricco di ossigeno) ha confermato che Aristarchus è ricco di depositi di tale minerale, che potrebbero essere sfruttati per produrre ossigeno per futuri insediamenti umani sulla Luna.

Tags: Alieni, Misteri irrisolti, Luna, spazio