Fanwave.it
Fanwave.it
Porte magiche e misteriose

Porte magiche e misteriose

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (2 Votes)

La porta è un simbolo ultraterreno antichissimo e diffuso in tutto il mondo: la falsa porta era un elemento architettonico costante nelle tombe di nobili e dignitari dell’antico Egitto, rappresentando simbolicamente la porta magica che consentiva al Ka del defunto di transitare dal regno dei vivi a quello dei morti e viceversa.

Puerta de Hayu Marka

Porte per spiriti e Dei

La Porta degli Dei di Hayu Marca e la Porta del Sole di Tiwanaku potrebbero per alcuni essere la rappresentazione di antichi “stargate”, o più semplicemente porte rituali che dovevano consentire il passaggio dal regno dei vivi a quello dei morti alle anime dei defunti, e dal regno degli spiriti a quello degli uomini agli dei.

Ma anche gli alchimisti europei fecero uso di porte magiche, in particolare a Roma dove Massimiliano Palombara marchese di Pietraforte fece costruire nella sua residenza, villa Palombara (ormai scomparsa) una Porta Alchemica (o Porta Ermetica o anche Porta dei Cieli). All’epoca la villa era ubicata nella campagna a est di Roma, sul colle Esquilino, ormai completamente inghiottito dalla città, a poca distanza dall’attuale Piazza Vittoria.

Porta Magica Roma

La Porta Magica di Roma

E proprio a Piazza Vittoria la Porta Magica, smontata nel 1873, venne ricostruita nel 1888, incastonanta nei resti di un muro perimetrale della chiesa di Sant’Eusebio, ponendo accanto alla porta stessa due statue del dio Bes originariamente nei giardini del Quirinale.

Leggenda vuole che un “pellegrino” ospitato dal marchese di Pietraforte, identificabile con l’alchimista Francesco Giuseppe Borri, venne una notte ospitato nella villa, cercando nei suoi giardini una particolare erba capace come la pietra filosofale di trasmutare la materia comune in oro. Il mattino seguente il misterioso pellegrino-alchimista venne visto attraversare la Porta Magica scomparendo per sempre ma lasciando dietro di sé alcune pagliuzze d’oro e una pergamena piena di simboli magici e alchemici.

illuminati

Simboli alchemici e massonici

Simboli che Massimiliano Palombara, appassionato di alchimia anche a seguito della frequentazione della regina Cristina di Svezia, in esilio a Roma e a sua volta cultrice di alchimia e scienze (essendo stata, tra l’altro, allieva di Cartesio), non riuscendo a decifrarla fece incidere i simboli sulle originarie cinque porte (andate perdute ad eccezione appunto della Porta Magica) e sui muri della villa, sperando che altri “pellegrini” potessero tradurli.

Tra i simboli incisi sulla Porta Magica ricollocata a Piazza Vittoria ancora oggi è possibile riconoscere un fregio rappresentante il simbolo massonico dei Rosa Croce (l’occhio contenuto in un triangolo, molto simile a quello stampato da secoli sul dollaro americano), oltre ai simboli alchemici di pianeti associati a metalli e precisamente: Saturno (piombo), Giove (stagno), Marte (ferro), Venere (rame), Luna (argento) e Mercurio (mercurio).

Falsa porta Egitto

Là dove nessun uomo è stato prima

Insomma: che si tratti di porte per comunicare con altri piani della realtà, di porte stellari, di porte magiche o di porte alchemiche, da millenni l’uomo rappresenta il suo desiderio di esplorare, di “andare oltre”, di raggiungere luoghi in cui nessuno è mai stato prima. Chissà se qualcuno grazie a queste porte vi è mai riuscito.

Tags: Misteri irrisolti, Massoneria