Fanwave.it
Fanwave.it
Frankenstein castle

Frankenstein, la vera storia

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (2 Votes)

Ogni leggenda, ogni romanzo, ha spesso un fondo di verità: non sfugge alla regola “Frankenstein”, il romanzo di Mary Shelley che ha per protagonista uno scienziato, Victor Frankenstein, che sconvolto dalla morte della madre coltiva il sogno di riuscire a dare vita a un essere umano “perfetto”, dotato di grande intelligenza, salute e lunga vita. Il risultato, come noto, è molto diverso da quello auspicato e si rivela essere uno dei più famosi mostri di tutti i tempi.

Il castello dei Frankenstein

Nella realtà i Frankenstein furono una famiglia di Franchi stabilitasi nei pressi di Darmstadt, in Germania, fin dal sesto secolo dopo Cristo. I Frankenstein edificarono l’omonimo castello nel tredicesimo secolo, per poi prendere parte, come cavalieri, a numerose guerre tra cui una contro Vlad III , detto “Tepes” (l’impalatore), voivode (principe) di Valacchia figlio di Vlad II Dracul (personaggi storici di cui abbiamo già parlato e che ispirarono la figura del leggendario vampiro descritto da Bram Stoker in Dracula).

frankestein castleJohann Conrad Dippel

Tra coloro che vissero al castello, pur non essendo un Frankenstein, uno dei personaggi più inquietanti fu Johann Conrad Dippel (nato il 10 agosto 1673, morto il 25 aprile 1734), scrittore, predicatore e teologo ma anche “scienziato pazzo” figlio di un pastore luterano che viveva al castello. Dippel dopo gli studi in teologia si votò alla corrente pietista che voleva riformare il luteranesimo in senso più laico. Imprigionato per sette anni, successivamente viaggiò in tutta Europa e si laureò in medicina.

Scienziato, inventore e alchimista

Affascinato dall’alchimia, Dippel fece ritorno al castello dei Frankenstein per cercare la pietra filosofale e l’elisir di lunga vita. Non le trovò, ma inventò l’olio di Dippel, ricavato dalla distillazione di ossa, peli e sangue di animali (si presume!) e prodotto fino a tutto l’Ottocento, e il blu di Prussia (o ferrocianuro ferrico), poi adottato come colore delle divise dell’esercito prussiano. Fin qui la storia ufficiale di Dippel come scienziato e alchimista, ma già tra i suoi colleghi girava voce che avesse tentato “cose malvagie”, come il furto e il sezionamento di cadaveri nel tentativo di capire i segreti della vita.

Frankenstein

Ricerche proibite

Alcuni arrivarono a sostenere che Dippel sezionasse animali per cercare di creare una pozione contro il demonio e di aver provato a distillare una variante dell’olio di Dippel distillando parti di corpi umani nel tentativo di arrivare all’elisir di lunga vita. Dippel non si curò mai di smentire tali voci, anche perché favorivano le vendite del suo distillato, fino alla morte.

Una morte misteriosa

Una morte avvenuta in circostanze a dir poco misteriose presso il castello di Wittgenstein: le cronache dell’epoca dissero che il suo corpo era completamente blu e per questo si pensò che potesse aver ingerito del blu di Prussia per sperimentarne qualche proprietà benefica, anche se la causa della morte potrebbe essere stata un ictus. Mary Shelley visitò probabilmente il castello dei Frankenstein e udì le leggende che circondavano l’alchimista, la cui figura e le cui gesta sembrano archetipi ideali per la storia fittizia del dottor Frankenstein.

Tags: Misteri irrisolti