Fanwave.it
Fanwave.it
X37-B cover

X-37B torna sulla Terra dopo 718 giorni nello spazio

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (2 Votes)

Cosa ha fatto lo spazioplano senza equipaggio X-37B nei suoi 718 giorni in orbita, conclusi il 7 maggio scorso? Come noto il veicolo spaziale, costruito da Boeing Phantom Works (divisione di prototipizzazione avanzata di Boeing) per conto di Nasa, Darpa e Us Air Force, aveva già compiuto altri tre voli spaziali, altrettanto misteriosi visto che l’Us Air Force non comunica i dettagli delle missioni, coperte da segreto.

Sperimentata vela solare

Si sa comunque che durante la missione OTV-4 è stato testato un satellite, il LightSail, per sperimentare l’uso di vele solari nello spazio, come pure un propulsore sperimentale a effetto Hall. I tecnici che si sono per primi avvicinati al X-37B dopo il suo atterraggio automatico sulla pista dello Shuttle Landing Facility al Kennedy Space Center indossavano tute protettive, ufficialmente per controllare la presenza di eventuali vapori tossici di propellente ipergolico attorno allo spazioplano, ma forse non solo per quello.

Il piccolo erede dello Space Shuttle

Era la prima volta che la pista veniva riutilizzata dopo la conclusione dell’ultima missione degli Space Shuttle, nel luglio 2011. Lo X-37B ricorda molto quei veicoli spaziali, ma ha dimensioni molto diverse essendo lungo solo 8,8 metri con un’apertura alare di 4,6 metri (lo Space Shuttle era lungo 37 metri e aveva un’apertura alare di 24 metri), tanto che inizialmente lo X-37B avrebbe dovuto andare nello spazio a bordo di uno Space Shuttle, ma poi gli incidenti al Columbia e al Challenger portarono a lanci tramite più convenzionali razzo Altas V.

X-37B testa armi nello spazio?

La durata estremamente lunga delle missioni del X-37B ha portato molti esperti indipendenti a pensare che vengano testati sensori e altri componenti per satelliti, ma qualcuno ha ipotizzato che lo X-37B abbia sperimentato anche componenti per armi anti-satellite, ipotesi che la Us Air Force ha più volte negato. Più difficile che lo X-37B possa servire come veicolo di emergenza per la Stazione spaziale internazionale, anche se l’idea era affiorata in passato. In attesa di saperne di più, vi proponiamo una gallery di immagini del X-37B di ritorno dalla sua ultima missione, diffuse dall'US Air Force.

Tags: Scienze, Viaggi spaziali