Fanwave.it
Fanwave.it
Supervulcano

Michio Kaku: un supervulcano estinguerà la vita sulla Terra?

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.75 (4 Votes)

Una guerra nucleare? Il pericolo secondo molti è concreto, ma al momento nessuno ha ancora deciso di premere il bottone. Un asteroide killer? Si dice sia stato tra le cause di almeno una delle grandi estinzioni di massa, ma la Nasa tiene d’occhio gli oggetti più pericolosi e per ora non si segnalano allarmi. Un’invasione aliena? Mai dire mai, ma al momento la guerra dei mondi resta un romanzo di fantascienza più che una previsione scientifica. In realtà secondo Michio Kaku e molti altri scienziati di fama mondiale, la minaccia più concreta alla vita sulla Terra continua ad essere la stessa da centinaia di milioni di anni: la possibile eruzione di un supervulcano.

24 supervulcani attivi al mondo

Sulla Terra sono 24 i supervulcani, ossia la caldere vulcaniche con diametro di decine di chilometri in grado di eruttare una massa di materiali superiori a un chilometro quadrato (corrispondente alla classe 5 dell’indice Volcanic Explosivity Index o Vei-5). Rientra in questa categoria il Vesuvio, ma anche il Monte St Helens che nel 1980 generò una colonna di ceneri eruttive alta 24 chilometri, spargendo le sue ceneri in 11 degli Stati Uniti, oltre a causare 57 vittime e quasi 3 miliardi di dollari di danni. Eppure il Vesuvio e il Monte St Helens impallidiscono di fronte ai “pesi massimi” di categoria 6, 7 e 8 del Vei.

Supervulcano Cratere
Eruzioni in grado di alterare il clima terrestre

Tra i supervulcani di categoria Vei-6 (in grado di eruttare oltre 10 chilometri cubi di materiali) rientrano il Krakatoa e il Pinatubo, che nel 1991 eruttò appunto circa 10 chilometri cubi di magma e 20 milioni di tonnellate di ceneri e abbassando per i tre anni successivi di circa mezzo grado la temperatura media terrestre. Tra quelli di categoria Vei-7 (capaci di produrre 100 chilometri cubi di materiale eruttivo) l’unico ad aver eruttato in tempi recenti è il Monte Tombra, in Indonesia, nel 1815, causando il secondo più rigido inverno dal 1400 e un’estate praticamente inesistente nel 1816 in tutto l’emisfero boreale.

Michio Kaku: attenzione alla caldera di Yellowstone

Ma i veri killer della vita sulla Terra potrebbe essere un supervulcano di categoria Vei-8, in grado di eruttare oltre 1.000 chilometri cubi di materiale. Sono quattro i supervulcani di questa categoria: la caldera La Garita, in Colorado, il Toba, in Indonesia, il Taupo, in Nuova Zelanda e la caldera di Yellowstone, nel Wyoming. Quest’ultimo, secondo il fisico americano Michio Kaku (celebre in tutto il mondo per essere apparso in molte serie divulgative di Discovery Channel), se dovesse svegliarsi dal suo sonno che dura ormai da oltre 640 mila anni potrebbe cancellare l’America dalla faccia della Terra e modificare per sempre il mondo rispetto a come lo conosciamo oggi.

Supervulcano Eruzione
Anche l’uomo farà la fine dei dinosauri?

Non solo: il rischio costituito dall’eruzione di un supervulcano è per gli scienziati dalle cinque alle dieci volte superiore a quello che un asteroide gigante colpisca il nostro pianeta, causando una nuova estinzione di massa come quelle già avvenute almeno 5 volte nella storia della Terra (l’ultima, 65 milioni di anni fa, portò alla scomparsa dei dinosauri). Nel caso della caldera di Yellowstone, come di tutti gli altri supervulcani sopra ricordati, numerosi segnali indicano che l’attività non è cessata e che un giorno potrebbe tornare a manifestarsi con estrema violenza e non c’è purtroppo modo di prevedere quando un supervulcano tornerà a turbare la vita sulla Terra. L’unica cosa da fare è continuare a monitorarli e cercare di tenersi più alla larga possibile al primo segnale di pericolo.

 

Tags: Vulcani