Fanwave.it
Fanwave.it
diluvio universale

Diluvio universale: una punizione divina o aliena?

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (3 Votes)

Vi sono in tutto il mondo numerose storie riguardo il diluvio universale, non solo nella tradizione ebraica e cristiana che vuole Noè come costruttore, su mandato divino, di un’arca con cui salva la sua famiglia e tutti gli animali della Terra, ma anche in antichi testi sumeri, accadici, babilonesi, come pure egiziani, greci, irlandesi, cinesi, maori e persino aztechi. Solo un mito o davvero un cataclisma sconvolse il mondo migliaia di anni fa?

Diluvio universale come punizione aliena

Finora la risposta ufficiale degli archeologi è stata: non vi sono tracce del diluvio universale di cui parla la Bibbia. Ma potrebbe esservi qualcosa di vero che falsifica le prove archeologiche? Pare improbabile che la diffusione del mito del diluvio universale da una parte all’altra del globo sia avvenuta casualmente, tanto più che tutti i testi antichi che vi fanno riferimento lo descrivono come una punizione divina.

Così alcuni studiosi hanno iniziato a chiedersi se più che una punizione divina possa essersi trattato di un atto di antichi alieni scambiati per dei o creature mitologiche. In questo caso occorre chiedersi quale possa essere stato il motivo di una simile “punizione” per l’umanità: forse la volontà di plasmare una “nuova” umanità cancellando quella “vecchia”, come nel mito biblico?

diluvio universale 01

Mito diffuso su tutta la Terra

I Sumeri credevano che il dio Enki avesse avvertito Ziusudra, re di Shuruppak, della decisione degli dei di distruggere l’umanità con un diluvio, incaricandolo di costruire una grande nave. Dopo il diluvio Ziusudra ottiene la vita eterna. Anche i Babilonesi avevano una storia simile a quella sumera, ma nella loro versione si precisa che l’arca dopo il diluvio si posò in cima a una montagna, particolare ripreso poi nella Bibbia.

Gli Accadi avevano una versione leggermente diversa della storia: il dio Ea ordina a Ziusudra di smantellare la propria casa, fatta di canne, e di costruire un battello per sfuggire al diluvio che il dio Enlil, infastidito dal rumore delle città, intende mandare per eliminare l’umanità.

Quando il diluvio comincia, "i cadaveri riempiono il fiume come libellule", ma dopo sette giorni il diluvio cessa, Enlil è furioso ma Ea lo sfida apertamente dichiarando di voler preservare quello che resta dell’umanità. Alla fine i due dei si accordano su come regolare la popolazione umana: ci sarà un diluvio universale ogni 1.200 anni.

diluvio universale 03
Dall’Europa all’Asia, dall’Australia all’America

Anche gli antichi Egiziani conoscevano il mito del diluvio universale, ma i testi che lo riguardavano sono andati distrutti. In compenso i Greci raccontavano furono scelti Deucalione e Pirra, due anziani coniugi figli rispettivamente di Prometeo e Epimeteo, per salvarsi dal diluvio e far rinascere l’umanità dalla Terra stessa.

Per gli Irlandesi, secondo quanto narra il Lebor Gabála Érenn, i primi abitanti dell’Irlanda, guidati dalla nipote di Noè, Cessair, vennero quasi tutti spazzati via da un diluvio poco dopo aver raggiunto l’isola, con solo un superstite. La cosa si ripeté dopo che il popolo di Partholon e Nemed raggiunse l’Irlanda, ma in questo caso i superstiti furono una trentina.

Due versioni di diluvio universale leggermente diverse sono riportate nei testi sacri indiani Śatapatha Brāhmaṇa e Bhāgavata Purāṇa, mentre molte leggende cinesi parlano di colossali alluvioni, alcune delle quali sembrano un diluvio universale, con tanto di riferimento a divinità (che agiscono tramite i draghi, loro intermediari con l’umanità). Riferimenti al diluvio appaiono anche in Indocina, Malesia, in alcune leggende aborigene australiane e nella tradizione maori neozelandese.

diluvio universale 02

Cosa ha fatto sparire le prove?

Secondo la mitologia hawaiana gli dei causarono un diluvio universale e solo Nu’u si salvò costruendo una grande nave dove furono ospitati tutti gli animali. I Maya parlano di un grande diluvio di pioggia nera, inviato dal dio Haracan per distruggere gli uomini di legno, mentre secondo gli Aztechi il mondo sarebbe stato diviso in età e l’ultima sarebbe terminata con un diluvio universale per mano della dea Chalchitlicue.

Tracce dell’arca di Noè sono state per anni cercate tra le montagne dell’Anatolia così come sul fondo di mari e oceani di mezzo mondo, con risultati quanto meno contrastanti. Ma allora come è possibile che quasi ogni antica civiltà umana riporti la storia del diluvio universale cambiando solo pochi dettagli? Così l’ipotesi che si fa strada è quella che, forse, siamo tutti davvero “figli delle stelle”, avendo qualcuno deciso (dei o alieni che li si voglia chiamare), migliaia di anni or sono, che era meglio ricominciare da zero.

Tags: Antichi alieni, Miti