Fanwave.it
Fanwave.it
esperienze premorte

Esperienze di premorte secondo Cino Tortorella

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (2 Votes)

In Italia si torna a parlare di vita dopo la morte. La recente scomparsa del presentatore, giornalista e autore televisivo Cino Tortorella (famoso per avere inventato negli anni ’50 il concorso canoro televisivo per bambini Lo Zecchino d’Oro) ha fatto tornare in mente quanto da lui stesso dichiarato in varie interviste, tra cui una ad Alessandro Dell’Orto, in merito alle sue esperienze pre-morte.

Due esperienze di premorte

Cino Tortorella è “quasi morto” due volte, nel 2007 e nel 2009, quando il suo cuore ha cessato di battere. Alla domanda di Dell'Orto se in quei secondi senza battito avesse visto l’aldilà, Tortorella rispose: “Per lungo tempo me lo sono tenuto per me, temevo di non essere capito. Poi ho conosciuto il professor Umberto Scapagnini, neurofarmacologo di fama internazionale. Ha vissuto la stessa esperienza, mi ha convinto a parlarne. Oggi so che quando chiuderò gli occhi per sempre e il mio cuore cesserà di battere non sarà per sempre e non sarò solo”.

Un viaggio in un’altra dimensione

Tortorella precisò anche che si era trattato “come un viaggio in un altro mondo, un’altra dimensione”. “Ho visto davanti a me un sentiero luminoso, lungo il quale mi sono incamminato pervaso da una profonda, dolcissima serenità. Il corpo si è trovato immerso in un’onda che mi sollevava dolcemente e mi portava in alto, un’onda non di acqua ma di luce purissima, una luce liquida. Niente a che vedere con quella terrena”.

Cino Tortorella topo gigio

Abisso di chiara eternità

Tutto intorno vi era il vuoto, anche se per Tortorella era difficile “trovare parole esatte per descrivere nei dettagli quel posto. Forse le più azzeccate sono quelle scritte da frate Bonaventura mentre descrive la morte del suo compagno Francesco: È sommerso nell’abisso della chiarità eterna”. Data l'elevata curiosità attorno a questo tipo di esperienze, il giornalista chiese a Tortorella se avesse visto qualcuno o sentito qualche voce. Tortorella rispose in modo sorprendente: “La seconda volta ho sentito molte voci. Una sola, però, chiara, netta. La stessa ascoltata nel 2001”.

Ci rivedremo tutti

Tortorella si riferiva a quando il 3 gennaio 2001 incontrò in Vaticano, in Sala Paolo VI, Papa Giovanni Paolo II (ossia Karol Wojtyla). “Quando ci siamo salutati gli ho detto: Santità, ci rivedremo per il prossimo Giubileo - intendendo quello del 2025 - lui mi ha sorriso: Sì, ci rivedremo”. Karol Wojtyla è morto il 2 aprile 2005 e il 27 aprile 2014 è stato proclamato santo da Papa Francesco. La voce che Tortorella sostenne di aver sentito era la sua: “Mi ha detto: Sì, ci rivedremo. Poi, dopo una lunghissima pausa, ha aggiunto: Ma non ora”.

cino tortorella libro

Non abbiate paura

A quel punto il cuore di Tortorella avrebbe ripreso a battere e il presentatore e giornalista si rimise rapidamente in salute, tornando a lavoro “con più energia di prima” e pubblicando, nell’ottobre 2016, un libro edito da Armando Siciliano Editore intitolato “Non abbiate paura (li rivedremo)” sull’esperienza extraterrena vissuta così nitidamente per ben due volte. Tortorella col suo lavoro in televisione ha saputo portare per decenni nelle case degli italiani tanti momenti di gioia ed è un pensiero felice sapere che negli ultimi istanti della sua vita terrena abbia avuto il conforto di sapere cosa lo aspettava, senza avere paura.

Tags: Misteri irrisolti, Anima, Morte