Fanwave.it
Fanwave.it

Uomini famosi sepolti senza pene

Uomini famosi sepolti senza pene

In vita sono stati tra gli uomini più famosi e potenti della loro epoca, imperatori, sensitivi o gangster. Da morti sono accomunati dall’essere stati sepolti senza pene, evirato in vita o post mortem e conservato altrove. E’ stato il destino, tra gli altri, di Napoleone Bonaparte e Grigorij Rasputin.

Bonaparte, un pene di 2,5 centimetri

Nel caso di Napoleone Bonaparte, morto di un cancro allo stomaco in esilio sull’isola di Sant’Elena il 5 maggio 1821, il pene, non più lungo di 3 centimetri, venne rimosso durante l’autopsia eseguita dal dottor Francesco Autommarchi, che descrisse l’organo riproduttivo dell’ex imperatore francese come un “piccolo e palesemente atrofico” riferendo come girasse voce “che negli ultimi tempi egli fosse divenuto impotente”.

Uomini famosi sepolti senza pene

Conservato come una reliquia dall’Abbé Anges Paul Vignali, che aveva dato l’estrema unzione a Napoleone, dopo varie peripezie l’organo fu battuto all’asta per 13.000 franchi (2.900 dollari) a Parigi nel 1977, venendo descritto come un “tendine mummificato preso dal corpo [di Napoleone] dopo morto” di soli 2,5 centimetri. L’acquirente fu il professor John K. Lattimer, docente alla Columbia University - un famoso urologo statunitense, che lo lasciò in eredità alla figlia nel 2007. Il cadavere di Napoleone riposa invece, senza pene, nella cripta de Les Invalides, a Parigi.

Rasputin, 33 centimetri di pene

Ben altre misure quelle dell’organo di Grigorij Rasputin: il mistico e sensitivo russo, divenuto consigliere privato dei Romanov e con una grande influenza sullo Zar Nicola II, in particolare dopo l’agosto 1915, era tra le figure più in vista della corte zarista. Noto amante di molte nobildonne, si è detto che Rasputin fosse un veggente ispirato da Dio ma anche un erotomane, un santone carismatico ma anche un pazzo.

Uomini famosi sepolti senza pene

Rasputin venne ucciso in un agguato organizzato dal principe Feliz Jusupov (marito dell’unica nipote dello Zar, Irina Aleksandrovna Romanova) nel dicembre 1916. Dopo averlo fatto ubriacare, Jusupov avrebbe abusato sessualmente di Rasputin, per poi ucciderlo con vari colpi di pistola, gettando infine il cadavere nel fiume Malaya Nevka. Nel trambusto il pene del mistico, che la figlia Marie Rasputin descrisse essere in erezione lungo 33 centimetri, sarebbe stato evirato da uno dei congiurati e poi trafugato da un domestico del principe Jusupov, parente di una delle tante amanti di Rasputin che in seguito fuggì a Parigi portando con sé la preziosa reliquia.

Mentre il cadavere di Rasputin, recuperato e sottoposto ad autopsia, venne cremato, non è chiaro quale sia stato il destino del pene di Rasputin, che sarebbe stato riacquistato negli anni Settanta dalla stessa Marie Rasputin che lo avrebbe portato con sé in California, dove morì nel 1977. Dopo alcuni anni Michael Augustine disse di averlo ritrovato nascosto in un sacchetto di velluto, assieme ad alcuni dei manoscritti di Marie Rasputin. Nel 1994 questa “reliquia” venne acquistata dalla casa d’aste Bonham, che però scoprì di aver acquistato un semplice cetriolo di mare. Infine dal 2004 il Museo erotico di San Pietroburgo espone in una teca sotto formaldeide ciò che viene dichiarato essere il famoso pene di 33 centimetri. Sarà proprio lui?

Tags: Misteri irrisolti, Stranezze