Fanwave.it
Fanwave.it

Razzi fantasma: meteoriti o Ufo alieni?

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (3 Votes)

Razzi fantasma: meteoriti o Ufo alieni?

Erano Ufo, meteore o razzi V1 e V2 caduti nella mani dei Sovietici alla fine della Seconda Guerra Mondiale i “razzi fantasma” che tra il maggio e il dicembre 1946 vennero ripetutamente avvistati in Scandinavia ma anche nel Sud Europa e nel Nord Africa? Dopo 70 anni nessuno è ancora in grado di dare una risposta ufficiale.

L’IPOTESI V1/V2

La prima ipotesi formulata, che potesse trattarsi di razzi V1 e V2 sviluppati dai Nazisti nella base di Peenemünde, poi caduta in mani sovietiche, mise in allarme le autorità svedesi, tanto che l’esercito proibì ai giornali di rivelare la precisa localizzazione degli avvistamenti di razzi fantasma o di dare dettagli sulla traiettoria e velocità presunta dei misteriosi oggetti volanti non identificati. Tuttavia numerose delle 2000 osservazioni, 200 delle quali riscontrate dai radar, in alcuni casi anche con un successivo recupero di frammenti, avvennero sopra i cieli della Grecia e dell’Africa del Nord, a grande distanza dalla presunta base di lancio sovietica.

LA COMMISSIONE SANTORINI

Il governo di Atene decise di affidare al fisico Paul Santorini, che aveva preso parte al Progetto Manhattan, la guida di una commissione d’indagine ma, come rivelò lo stesso Santorini nel 1967, una volta stabilito che quelli osservati sulla Grecia non potevano essere missili V1 o V2, l’esercito greco, dopo alcuni colloqui con ufficiali statunitensi, interruppe l’indagine. Prova, per Santorini, che si voleva mantenere il segreto su una tecnologia “superiore” (di origine aliena?) contro la quale in quel momento non si avevano difese.

METEORITI O SCIE DI CONDENSAZIONE

Nel frattempo i giornali sia in Svezia sia in Grecia avevano dato ampio risalto all’ipotesi che i razzi fantasma potessero essere semplicemente meteoriti, tanto più che il picco di segnalazioni si registrò tra il 9 e l’11 agosto 1946, ossia in coincidenza dell’annuale pioggia delle Perseidi. Le caratteristiche di molte altre osservazioni, tuttavia, continuava a non corrispondere a quelle di un fenomeno naturale come uno sciame di meteoriti. A distanza di decenni il giornalista scientifico Robert Sheaffer ha avanzato l’ipotesi che in questi casi si sia potuto trattare di scie di condensazione di aerei ad alta quota.

I RAZZI FANTASMA ERANO UFO?

Un documento militare top secret dell’Usafe del 4 novembre 1948, declassificato solo nel 1997, ha tuttavia rivelato come gli investigatori militari avessero all’epoca avanzato l’ipotesi che l’origine dei razzi fantasma potesse essere aliena. Nel documento si legge che quando l’ipotesi fu avanzata, “alcune persone attendibili e totalmente qualificate dal punto di vista tecnico hanno raggiunto la conclusione che questi fenomeni sono ovviamente il risultato di una elevata competenza tecnica e che non possono essere creati da alcuna delle culture al momento note sulla Terra”.

Tali esperti avanzarono pertanto “l’ipotesi che questi oggetti derivino da qualche tecnologia finora sconosciuta o non identificata, forse di origine extraterrestre”. Un’ipotesi che resta tuttora in piedi, anche dopo che i registi svedesi Kerstin Übelacker e Michael Cavanagh hanno realizzato un documentario sui razzi fantasma svedesi (“Spökraketerna”), intervistando testimoni e analizzando e rendendo pubblici tramite il sito www.ghostrockets.se decine di nuovi documenti sul caso, tuttora irrisolto.

Razzi fantasma: meteoriti o Ufo alieni?

Tags: Ufo, Avvistamenti