Fanwave.it
Fanwave.it

Le mummie ci parlano

Mummies - Mummie

Le mummie affascinano gli uomini da secoli, come testimonia il successo della serie televisiva “Le mummie ci parlano” che ha debuttato nell’aprile 2015, con una prima stagione con sei episodi da un’ora l’uno, su Smithsonian Channel negli Usa, History Channel in Canada, SBS in Australia, ZDF in Germania e UKTV:Yesterday in Gran Bretagna, serie riproposta quest’anno anche in Italia. Ma forse non tutti sanno che in Messico alle mummie è stato dedicato un intero museo.

Si tratta di El Museo de las Momias de Guanajuato, sito nell’omonima città, dove sono esposte ben 111 mummie provenienti da una fossa comune nella quale nel 1833 furono seppelliti i corpi di coloro che erano di morti di colera ma anche diverse persone ancora in vita, nel tentativo di circoscrivere rapidamente l’epidemia. Per qualche ragione non del tutto compresa (si è capito solo che è legata ad agenti naturali tra cui l’aria secca, il freddo, l’alcalinità del terreno e l’isolamento dai microorganismi) questi cadaveri si sono mummificati in modo naturale, consentendo agli studiosi di osservarne i tratti del volto ancora intatti a distanza di quasi 200 anni.

Mummies - Mummie

Proprio l’espressione atterrita di molte di queste mummia ha fatto supporre che siano state sepolte vive: tra queste vi fu sicuramente Ignacia Aguilar, una donne che soffriva di una malattia che faceva sembrare più volte che il suo cuore si fermasse per quasi un giorno. Quando il suo cuore sembrò fermarsi per più tempo del solito venne data per morta, ma quando il suo cadavere venne riesumato presentava il volto rivolto il basso, nell’atto di mordersi il braccio, con molto sangue in bocca.

Mummies - Mummie

Tra le altre mummie “particolari”, nel museo è esposta anche la mummia più piccola al mondo, quella di un feto trovato nel cadavere di una donna incinta morta di colera. Uno spazio del museo di Guanajuato è dedicato del resto alle mummie di bambini, ricoperte con i vestiti da “angeli” con cui vengono tradizionalmente cadaveri dei bambini.

Mummies - Mummie

El Museo de las Momias de Guanajuato non è insomma un “classico” museo, ma forse per questo ha attirato molti visitatori famosi, come lo scrittore di fantascienza Ray Bradbury, che rimase sconvolto tanto da venir perseguitato per settimane da incubi, o il regista tedesco Werner Herzog, che aprì la sequenza iniziale del suo “Nosferatu, il principe della notte” con una panoramica delle mummie di Guanajuato, o Tim Burton, il regista da “La sposa cadavere”. Chissà che “Le mummie ci parlano” non proponga in una delle sue prossime puntate uno speciale dedicato alle misteriose e a volte raccapriccianti mummie di Guanajuato?

Mummies - Mummie

Tags: Misteri irrisolti, Mummie