Fanwave.it
Fanwave.it

Nuovi Anni di Piombo in Europa

Nuovi Anni di Piombo in Europa

Anni settanta, Anni di Piombo in tutta Europa, con una impressionante scia di morti e di misteri ad oggi irrisolti, come il caso dell’ex presidente DC Aldo Moro, rapito (con l’uccisione di cinque uomini di scorta) il 16 marzo 1978 in via Fani a Roma e ritrovato cadavere il 9 maggio nel portabagagli di una Renault 4 parcheggiata in via Caetani, sempre a Roma. Le ultime vicende del terrorismo di matrice islamica che da qualche anno è tornato a insanguinare l’Europa ricordano molti misteri irrisolti del caso Moro e degli Anni di Piombo.

All’epoca non solo Moro venne detenuto almeno per alcune settimane in un covo a via Montalcini 8, sempre a Roma, che pur essendo sotto sorveglianza non venne mai ispezionato dalle forze dell’ordine, ma a distanza di decenni si ritiene che a poca distanza da via Fani, in via Lucinio Cavo, esistesse un altro covo terrorista all’interno di un palazzo di proprietà dello Ior, la banca vaticana, che godeva di extraterritorialità e pertanto ugualmente non venne controllato.

Nuovi Anni di Piombo in Europa
Ritrovamento del corpo di Aldo Moro

Oggi un terrorista come Salah Abdeslam, già arrestato nel 2010 per rapina a mano armata, può partecipare agli attentati di Parigi (sparò sia al Café Bonne Bière sia alla pizzeria Casa Nostra, fuggendo poi in macchina assieme ad altri due terroristi) e nascondersi per mesi a Molenbeek, quartiere a ovest di Bruxelles, capitale europea che solo quattro giorni dopo l’arresto di Salah (avvenuto il 18 marzo) è stata colpita da due attacchi suicidi compiuti dai fratelli Khalid e Ibrahim el-Bakraoui, sfuggiti al raid del 18 marzo, e da Najim Laachraoui, già artificiere degli attentati di Parigi.

Nuovi Anni di Piombo in Europa
Salah Abdeslam

Curiosamente, però, Ibrahim el-Bakraoui era stato catturato in Turchia lo scorso giugno ed estradato in Europa, ma è poi stato lasciato a piede libero in Olanda su indicazione della autorità belghe. Quali errori, incompetenze o inconfessabili interessi possono aver consentito ai terroristi di agire indisturbati per mesi, quanti altri attentati occorrerà subire, prima che si giunga a un coordinamento dei servizi segreti europei, alla creazione di un nucleo speciale antiterrorismo come quello creato in Italia negli Anni di Piombo dal generale Carlo Alberto dalla Chiesa, che infiltrando i propri uomini e a sfruttando i pentiti riuscì a debellare il movimento terrorista dall’interno?

Il generale della Chiesa morì a Palermo nel 1982 in un attentato mafioso assieme alla seconda moglie e all’unico agente di scorta, un delitto su cui persistono “ampie zone d’ombra”, come è scritto nella sentenza del 2002 che condannò gli esecutori materiali dell’omicidio (i boss mafiosi mandanti di quello e altri delitti erano già stati condannati nel 1995). Oggi che l’Europa è bersaglio di un nuovo tipo di terrorismo si scorgono molte analogie e zone d’ombra che ricordano gli Anni di Piombo e le vicende Moro e della Chiesa.

Lo stato di tensione permanente e il crescente odio razziale sembrano servire a distrarre l’opinione pubblica dagli squilibri che anziché ridursi sembrano aumentare anno dopo anno tra il Nord e il Sud Europa, tra sempre più pochi ricchi che diventano sempre più ricchi e sempre più nuovi poveri che si impoveriscono ulteriormente. E’ il volto arcigno del Nuovo ordine mondiale o solo l’effetto di una politica ormai priva da anni di veri leader e di vere competenze, che si è piegata del tutto agli interessi di poche grandi multinazionali e non difende più gli interessi dei cittadini europei?

Tags: Terrorismo